italian food experience loading

Rigoni di Asiago, rispetto dell’uomo e dell’ambiente partendo da storia e territorio

15 mag — 2019   Lettura 4 min
Storie Veneto

Ci piace conoscere storie nate in tempi ormai andati: imprimono nella nostra mente immagini rarefatte, come fossero fotografie d’epoca nelle nostre mani.

La storia di Rigoni di Asiago è una di quelle fotografie che, con il passare del tempo, anziché sbiadirsi diventa man mano a colori, pur partendo in tempi così lontani dai nostri. Questa storia comincia negli anni ’20, nel cuore dell’Altopiano di Asiago, in provincia di Vicenza, dove continua tuttora. Partita come un’impresa famigliare dedita all’apicoltura, Rigoni è oggi una realtà del settore alimentare riconosciuta a livello internazionale, che unisce tradizione, innovazione e rispetto della natura.

Da sempre, questa azienda veneta ha scelto il biologico per offrire prodotti buoni per l’uomo e rispettosi dell’ambiente.

Al miele, presente nel mercato con il marchio Mielbio, Rigoni di Asiago ha affiancato con successo la produzione di Fiordifrutta (preparazione di frutta), Nocciolata (crema spalmabile al cacao e nocciole), Dolcedì (dolcificante naturale), Tantifrutti (nettari di frutta) e DolceHerbe (integratore alimentare a base di miele ed echinacea).

Per conoscere meglio questa importante realtà, la sua storia e i principi su cui si basa la sua produzione, abbiamo intervistato Cristina Cossa, Marketing Manager di Rigoni di Asiago.

Buona lettura!

 

 

Ciao Cristina, benvenuta su Italian Food Experience. Chi è alla guida dell’azienda che rappresenti e come è composto il team di lavoro?

Buongiorno, Rigoni di Asiago è un’azienda storica veneta, che da sempre crea e commercializza prodotti biologici. Conta uno stabilimento produttivo a Foza, sull’Altopiano di Asiago, dove è presente anche il Reparto R&S e una sede logistica e produttiva ad Albaredo d’Adige, in provincia di Verona.  L’area gestionale è ad Asiago, dove convivono le funzioni commerciali e amministrative. Andrea Rigoni è Presidente e AD della Società.

 

La vostra è un’azienda italiana nata nel lontano 1923, grazie a nonna Elisa. Cosa è rimasto immutato? E qual è la più recente innovazione apportata nella vostra azienda?

 

Rigoni di Asiago nasce nel cuore dell’Altopiano di Asiago, in provincia di Vicenza, dove ha sede tuttora. La nostra è una storia semplice, di quelle che parlano di passione, di amore per la natura e di un profondo legame con i luoghi di origine. Da quasi un secolo la nostra più grande soddisfazione è quella di offrire prodotti buoni, di qualità e rispettosi dell’ambiente. Per questo, abbiamo scelto il biologico, non una moda ma un vero e proprio credo, una scelta etica che incarna valori profondi. La nostra azienda affianca da sempre tradizione, innovazione e ricerca. Investiamo continuamente nello sviluppo di processi e nella creazione di prodotti che prevedano il minor impatto possibile e siano attenti alle esigenze del consumatore moderno. L’ultima novità Rigoni di Asiago? Nocciolata Bianca, crema spalmabile biologica dal gusto irresistibile con il 30% di nocciole come primo ingrediente e il 30% di zuccheri in meno.

 

Qual è il messaggio che l’azienda vuole comunicare ai suoi consumatori?

Il messaggio principale è che ci si può nutrire in modo sano senza rinunciare alla bontà. Rigoni di Asiago ha da sempre a cuore il benessere dei propri consumatori e dell’ambiente. La qualità è un nostro valore imprescindibile. Produciamo in modo sostenibile e ci impegniamo ogni giorno affinché i nostri prodotti siano bilanciati in fatto di nutrizione e gusto.

 

Quali tra i prodotti Rigoni di Asiago – creme spalmabili, confetture e miele – sono i più richiesti sul mercato?

Rigoni di Asiago è leader di mercato a valore nel comparto delle Confetture con Fiordifrutta, preparazione 100% da frutta bio, disponibile in 26 varietà, amata da tutta la famiglia. Nocciolata, secondo player di mercato nel settore delle creme spalmabili, si conferma il prodotto preferito dai più giovani e non solo! Anche Mielbio, il nostro miele biologico italiano, è secondo player di mercato.

 

Il marchio Rigoni di Asiago è conosciuto per la sua bontà ma anche per la qualità della materia prima. Da dove proviene?

Rigoni di Asiago controlla le filiere di tutti i suoi prodotti: Mielbio è un miele 100% bio e italiano, che proviene dai nostri apicoltori presenti in varie regioni mentre Fiordifrutta è preparata esclusivamente con frutta di alta qualità, raccolta a mano a perfetta maturazione, grazie alla collaborazione consolidata con una rete di agricoltori biologici certificati in Italia e in Europa. Per la produzione di Nocciolata usiamo cacao, zucchero e vaniglia che arrivano da Paesi Terzi mentre la nocciola è della varietà Tonda Romana, tipica del Lazio. In questo modo, possiamo garantire ai nostri consumatori dei prodotti buoni, che valorizzano e rispettano le caratteristiche naturali delle materie prime.

 

Nelle aziende prendono sempre più piede macchine super tecnologiche, che alterano l’artigianalità dei prodotti finiti.  Voi come preservate questo fenomeno?

Ieri come oggi, lavoriamo i nostri prodotti con la stessa cura artigianale. Questo non esclude l’utilizzo di moderne tecnologie e il ricorso all’innovazione, che ci permettono di garantire alti standard qualitativi e il massimo rispetto dell’ambiente. Grazie alla ricerca continua, riusciamo infatti a produrre in modo sempre più sostenibile, mettendo a punto dei processi che conservano al meglio le proprietà delle materie prime e riducono l’impatto sul territorio.

 

Partecipate a molti eventi e fiere, sia nazionali che internazionali: quali sono, per voi, i vantaggi di presenziare eventi del genere?

Riteniamo molto importante la partecipazione ad eventi e fiere perché, grazie al contatto diretto con il consumatore e il buyer, abbiamo l’opportunità sia di consolidare rapporti già esistenti sia di far apprezzare il marchio Rigoni di Asiago a chi ancora non ci conosce.

 

Secondo te, in questi ultimi anni – con l’avvento di nuovi alimenti – sono cambiate anche le preferenze e i gusti dei consumatori?

Assolutamente sì. Rispetto al passato, le persone sono ora molto più attente a quello che mangiano e cercano prodotti con meno grassi e meno zuccheri. Per soddisfare le esigenze del consumatore moderno, verso la fine del 2018, abbiamo lanciato Nocciolata BIANCA: tanto gusto e il 30% di zuccheri in meno per una pausa naturale.

 

Quali sono i progetti futuri della sua azienda?

La nostra azienda sta intraprendendo un percorso di crescita importante in Italia e, in particolare, all’estero. Stiamo pianificando diverse azioni commerciali e di marketing per accrescere la nostra presenza nei mercati, penetrare nuovi Paesi e aumentare l’awareness del marchio Rigoni di Asiago.

 

Con l’avvento dei social, il mondo del web è divenuto un mercato parallelo a quelli che già presidiate. Quali sono i vostri approcci online?

Utilizziamo la rete in modo strategico per attività sui social e il coinvolgimento di influencer. Abbiamo anche una nostra community di foodblogger che ci segue costantemente. Inoltre, stiamo lavorando a una nuova strategia/immagine sul web, che ci accompagnerà nel corso del prossimo biennio.

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Prodotti — Emilia-Romagna 3 min

Culatello di Zibello, il re dei salumi che viene dall’Emilia

Culatello di Zibello: caratteristiche, modalità di lavorazione e tutela ed eventi dedicati a uno dei salumi prodotti in Emilia e fra i più rinomati d’Italia.
Prodotti — Marche 1 min

Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOCG

Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOCG: storia, caratteristiche, zona di produzione e scheda tecnica di questo vino tipico delle Marche.
News 2 min

Salviamo le api per salvare il miele e l’ecosistema

L'anno 2017 rischia di essere ricordato come un anno nero per la produzione di miele. Le avversità climatiche, le coltivazioni massiccie sono alcuni dei fattori che stanno gradualmente causando il crescente spopolamento delle api nei territori di produzione.

Regioni correlate

Esperienze simili

Storie — Veneto 3 min

Spaghetti e Mandolino: l’italianità a portata di un click

Intervista a Francesco Iannò, responsabile della comunicazione di Spaghetti & Mandolino, e-commerce con oltre 3.000 prodotti tipici italiani di qualità.
Storie — Veneto 4 min

La cantina Ferro13 con uno dei suoi fondatori, Gabriele Stringa

Intervista a Gabriele Stringa, uno dei fondatori della cantina Ferro13 di Verona, con cui palriamo di un'eccellenza italiana tra le più amate al mondo: il vino.
Prodotti — Veneto 2 min

Moeche, i gustosi gioielli della laguna di Venezia

Le moeche sono granchi verdi che vengono pescati in un particolare periodo della loro vita. Scopriamo con Italian Food Experience questa prelibatezza tipica della laguna veneziana.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X