italian food experience loading

Marmellando, il brand italiano esempio di impresa agroalimentare agile

24 Set — 2019   Lettura 3 min
Storie Basilicata

Creare impresa, a volte, significa accorciare distanze fisiche e affettive che altrimenti allontanerebbero le persone coinvolte. Le aziende, anche quelle agroalimentari, imparano a muoversi con agilità nel proprio mercato e nella gestione dei team, anche a distanza: così si intraprendono strade nuove e si accettano le sfide di un mercato sempre in evoluzione, rispettando la qualità dei propri prodotti e le tradizioni da cui essi nascono. La passione in comune, poi, agisce da ulteriore collante.

Nel caso di Carola, Mery e Daniela il collante è stata la passione per la cucina. Loro sono tre donne lucane che vivono in luoghi diversi d’Italia ma, senza per questo, rinunciare a fare impresa per consolidare la loro amicizia e realizzare un sogno comune: mettere in piedi un’azienda per la produzione di marmellate. Da questa unione di sentimenti e professioni nasce Marmellando, marchio attraverso cui le nostre imprenditrici producono e vendono confetture, gelatine, marmellate e composte in tutta Italia.

Per conoscere meglio questa realtà, abbiamo intervistato Carola Guarino, founder – insieme a Mery e Daniela – di “Meglio Darsi alla Cucina srl“, società proprietaria del marchio Marmellando.

Marmellando

Alcune confetture prodotte da Marmellando

 

Ciao Carola, benvenuta su Italian Food Experience. Ci racconti com’è nato il brand Marmellando?

Marmellando è nato dal desiderio di tre donne – tre amiche di sempre, con una professione avviata e i figli ormai grandi – di affrontare una nuova sfida per rinsaldare un antico legame conferendogli la dimensione di un’azienda capace di replicare la nostra passione in cucina a favore non più soltanto della nostra famiglia. Abbiamo lavorato anche di notte studiando il mercato delle conserve, analizzando ed esplorando il mondo del sottovuoto; abbiamo trasformato le nostre rispettive cucine in laboratori dove abbiamo sbucciato, affettato, centrifugato, sperimentato fino a raggiungere il risultato prefisso: produrre confetture, marmellate, composte e gelatine dai gusti insoliti ma tutte all’insegna del cibo sano. Abbiamo superato la distanza fisica tra di noi (Milano, Roma, Chiaromonte) con la chat, le mail e i corrieri: anche se non siamo millennials godiamo dei loro mezzi di comunicazione. Così lo scorso anno è nata la nostra società, “Meglio Darsi alla Cucina”. In breve, M.D.C. ovvero anche l’acronimo dei nostri nomi: Mery, Daniela, Carola. All’interno dell’azienda, ciascuna di noi è in grado di seguirne ogni profilo; per quanto mi riguarda, più in particolare sono stata delegata dalle mie socie agli assaggi, alla sperimentazione dei piatti, alla fotografia e anche alla presentazione dei prodotti.

 

Producete confetture fatte con tanti ingredienti diversi tra loro, per esempio quelle mela e caffè e pere e crusco. Quale, tra le varie confetture bi-gusto, riscuote più successo sul mercato?

I nostri prodotti hanno sempre almeno due ingredienti principali, armoniosamente combinati tra loro, in linea con il logo del nostro marchio “Marmellando”, che rappresenta appunto il simbolo di percentuale. Il prodotto maggiormente apprezzato è la composta di peperoni gialli e crusco, mentre tra le confetture primeggia la mela e caffè; tra le gelatine, quelle di arancia e prosecco e pera e crusco.

 

Confettura di mela e caffè

Confettura di mela e caffè

 

Gelatina di pere e crusco

Gelatina di pere e crusco

Le confetture Marmellando si caratterizzano per la grande creatività nell’abbinamento dei gusti. A chi vi affidate per la fornitura delle materie prime?

Per la fornitura delle materie prime ci rivolgiamo esclusivamente al mercato italiano; utilizziamo sempre ingredienti freschi e selezionati che vengono poi cotti a bassa temperatura, in atmosfera controllata per mantenere intatte le proprietà organolettiche, oltre che il sapore e il colore originale degli ingredienti, senza aggiungere alcun conservante chimico. Tutte le nostre confetture e marmellate sono extra, hanno cioè più del 45% di frutta. Le gelatine arrivano fino al 95%, come nella fragola e peperoncino, ma sono escluse dalla definizione di extra, prevista per legge solo per le confetture e marmellate.

 

Quanti vasetti di confettura producete in media ogni anno?

Produciamo circa 6.000 vasetti.

 

Geltina di fragola e peperoncino

Gelatina di fragola e peperoncino

 

 

Composta di peperone e crusco

Composta di peperone e crusco

Ci racconti la cosa più bella o un aneddoto che ti ha colpito da quando hai intrapreso questo viaggio imprenditoriale?

Sono tanti gli aneddoti che potrei raccontare perché la nostra vita aziendale è ricca di esperienze, ma uno in particolare mi piace ricordare ed è il commento di un nostro distributore che, dopo avere assaggiato la composta di cipolla e mele annurche, mi ha guardata con aria seria e con tono perentorio mi ha detto: “Voi siete illegali”. Letto nei miei occhi imbarazzo e stupore ha aggiunto: “Questa composta crea dipendenza non posso portarla a casa mia altrimenti non dormo fino a quando non la finisco!”

 

Quali sono gli obiettivi e le prospettive per il futuro?

Per il futuro abbiamo molti progetti, primo fra tutti ampliare la gamma delle nostre confetture, gelatine e composte (già a Natale avremo a catalogo una nuova composta: crusco e aglianico); in secondo luogo, diversificare la produzione con prodotti panificati dolci e salati nonché sperimentare altri mercati oltre a quello italiano.

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Storie — Basilicata 5 min

Il sogno che ti cambia la vita: la storia del gelato di Luigi Buonansegna

Intervista a Luigi Buonansegna, ex avvocato che ha mollato il suo lavoro per dedicarsi alla sua passione più grande: il gelato. Scopri ora la sua storia.
Storie — Veneto 4 min

La cantina Ferro13 con uno dei suoi fondatori, Gabriele Stringa

Intervista a Gabriele Stringa, uno dei fondatori della cantina Ferro13 di Verona, con cui palriamo di un'eccellenza italiana tra le più amate al mondo: il vino.
Storie — Valle d'Aosta 3 min

Micooula, il pane tipico natalizio della Val D’Aosta 

Storia, caratteristiche, modalità di preparazione e alcune curiosità della Micooula, il dolce tipico natalizio della Valle d'Aosta.

Regioni correlate

Esperienze simili

Storie — Basilicata 4 min

Ristorante Stano, il vantaggio di essere tradizionali

Intervista allo chef Franco Stano del ristorante Stano di Matera che, con la sua cucina tradizionale, ha conquistato anche lo chef Alessandro Borghese.
Storie — Basilicata 5 min

Cantine del Notaio, innovazione e tradizione nel segno del vino

Intervista a Gerardo Giuratrabocchetti, fondatore di Cantine del Notaio, rinomata azienda lucana dedita alla produzione di ottimi vini nel Vulture.
News — Basilicata 2 min

Mammamiaaa, quando l’unione fa la forza

Mammamiaaa suggella una nuova alleanza tra Matera Capitale Europea della Cultura 2019 e Sannio Falanghina 2019 Città Europea del Vino.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X