italian food experience loading

Del Colle: continuità con il passato e dinamicità del presente

18 Mar — 2021   Lettura 5 min
Storie Toscana

Cos’è che, spesso, fa la differenza fra le aziende che operano nel settore agroalimentare? La qualità del prodotto, certo. Essa, però, da sola non basta.

La marcia in più viene ingranata dalla visione aziendale, tradotta in ricerca e sviluppo di prodotti e trend da proporre a un mondo proiettato verso i valori a cui il brand è legato: pensiamo alla tradizione, alla genuinità, alla riscoperta di tradizioni nostrane senza dimenticare di volgere lo sguardo interessato a specialità oltre confine, accogliendo anche nuovi e freschi trend alimentari.

Quando abbiamo contattato Del Colle, brand conosciuto nel panorama nazionale e internazionale, eravamo curiosi di conoscere la storia di questa azienda toscana, specializzata in produzione, lavorazione e confezionamento di legumi e cereali sia da agricoltura convenzionale che biologica. Del Colle nasce nel 1996 e da allora offre una selezione delle migliori produzioni di legumi e cereali.

Quella che abbiamo scoperto è una realtà che promuove attivamente la valorizzazione dei territori e delle loro tradizioni puntando comunque a una ricerca quotidiana di nuovi trend e possibilità, per coniugare la  continuità del passato con la dinamicità del presente.

Per approfondire la conoscenza di Del Colle, abbiamo fatto due chiacchiere con Elisa Fiorito, Responsabile Marketing dell’azienda.

Buona lettura.

Salve Elisa, benvenuta su Italian Food Experience. Raccontaci brevemente la storia dell’azienda Del Colle.

Del Colle nasce nel 1996 come azienda fornitrice di materia prima sfusa (legumi, cereali, risi, farine, semi, droghe e spezie) per importanti industrie alimentari. Col passare del tempo estende la sua produzione anche al confezionamento in piccoli formati per la Grande Distribuzione Organizzata diventando un brand apprezzato e riconosciuto nelle più importanti catene italiane. Oggi Del Colle lavora per l’Industria della Surgelazione, il settore Horeca, la Ristorazione collettiva, Cash& Carry, Centri Cottura e Gastronomie, Grossisti, minimarket e negozi. Del Colle segue tutte le fasi del ciclo di vita del prodotto a partire dalla scelta del seme della pianta ai disciplinari di produzione, monitorando tutte le fasi dal campo allo scaffale. Nel 2014 per rispondere all’aumento dei volumi produttivi, inaugura un nuovo stabilimento immerso nel cuore della campagna toscana dove controlla, lavora e confeziona tutta la materia prima estera ed italiana.

Del Colle infatti, oltre ad avere un network internazionale che le permette di selezionare la migliore materia prima dalle aree del mondo maggiormente vocate a determinate coltivazioni, presidia l’intero territorio italiano attraverso una rete di consorzi e aziende agricole di ogni regione d’Italia al fine di valorizzare le eccellenze regionali italiane.

La materia prima è scelta scrupolosamente selezionando le coltivazioni che, per condizioni climatiche, di terreno o per esperienza agronomica locale, permettono la migliore crescita della pianta e quindi la maggiore bontà e genuinità del prodotto. Nella sua rete ci sono sia aziende che coltivano con metodi convenzionali e sia aziende certificate per la produzione di tipo biologico.

In Toscana possiede una filiera agricola con un centinaio di aziende che rappresentano il “Made in Tuscany” di del Colle, apprezzato sia nella nostra regione ma anche nel resto d’Italia e nel mondo.

 

Negli ultimi anni, il settore agroalimentare ha subìto notevoli cambiamenti. La vostra attività conserva un approccio tradizionale o guarda comunque all’innovazione?

Sicuramente il nostro è un brand legato alla tradizione, al piacere dello slow-food, ad una cucina genuina, fatta di semplicità e gusto, alla riscoperta delle tradizioni gastronomiche del nostro paese e non solo.

Del Colle promuove attivamente la valorizzazione delle eccellenze locali e con esse anche delle tradizioni gastronomiche dei territori stessi al fine di non perdere la memoria storica e l’identità culturale che passa anche dalle nostre tipicità gastronomiche.
Veicola l’importanza di una corretta alimentazione collaborando col mondo della Sanità e della Nutrizione e promuove, attraverso il mondo dell’alta ristorazione, l’importanza di una cucina di alta qualità, attenta ai valori del territorio ed alla tradizione.

Legame con la tradizione non vuol dire però sguardo all’innovazione. L’azienda ha una forte spinta verso il miglioramento continuo in ogni ambito. Collaboriamo con l’industria cliente offrendo consulenza in ricerca e sviluppo di prodotto per la realizzazione di miscele, investiamo costantemente in efficienza produttiva e logistica anche in ottica Industria 4.0, collaboriamo attivamente col mondo della ricerca universitaria (Università di Pisa e Firenze) per progetti di ricerca in ambito nutraceutico, agronomico e biologico. Lavoriamo per aumentare tutti gli anni gli standard di sicurezza alimentare e per avere come risultato una materia prima dalle eccellenti proprietà organolettiche ottenuta sempre nel pieno rispetto della pianta, dell’ambiente e del territorio.

Del Colle produce diverse linee di prodotti: farine, legumi e zuppe. Quali sono i prodotti più richiesti sul mercato italiano?

Il mercato alimentare chiede alimenti sani, con pochi e semplici ingredienti facilmente identificabili: alimenti naturali, privi di ingredienti chimici di sintesi e conservanti.  Il consumatore di oggi è più informato, sa che il cibo influenza la sua salute e qualità di vita per cui è più attento all’origine, alle proprietà nutrizionali e agli allergeni. Il consumatore vuole approfondire, legge di più l’etichetta e Del Colle, che comunque ha da sempre avuto grande attenzione alla trasparenza informativa, sta curando tutto il packaging anche per soddisfare queste crescenti esigenze.

Negli ultimi tempi si riscontra inoltre una maggiore attenzione all’italianità, forse più per desiderio patriottico che per ricerca di qualità in sé. Il nostro consumatore la qualità la trova in tutti i prodotti, sia che siano coltivati in Italia, sia che siano coltivati all’estero perché per noi è estremamente importante far crescere le piante nel loro habitat migliore o sceglierle dove c’è una grande esperienza locale in quel determinato tipo di coltivazione. A noi interessa offrire il meglio ma accontentare al contempo un mercato che chiede il localismo. Nella nostra offerta abbiamo infatti anche una proposta regionale italiana o specifica toscana.

C’è poi una tendenza generale al “free from” in tutto il food e quindi al tema delle intolleranze, al mondo del “rich-in”, ovvero a quegli alimenti in grado di fornire importanti principi nutrizionali. Anche qui Del Colle, sta curando molto gli aspetti nutrizionali coi suoi consulenti in Nutrizione e laboratori accreditati e sta rivolgendo crescente attenzione verso il “free-from” sviluppando presto linee dedicate al gluten free.

 Cresce in maniera costante anche l’interesse verso il biologico e, a proposito di questo, Del Colle oltre ad avere una certificazione che garantisce il rispetto dei parametri per una produzione biologica ed una economia sostenibile e solidale, certifica i suoi prodotti biologici anche per l’alimentazione vegana col marchio Vegan Ok, una certificazione etica per prodotti vegan e cruelty free.

 

Quanto importante ritieni sia, oggi, la comunicazione digitale per la vostra attività?

Certamente anche l’industria del Food è stata profondamente rivoluzionata dall’avvento del digitale.

 Il food è un argomento molto in voga nel web: dalla scelta di un ristorante, dalla condivisione di un momento di convivialità a tavola, dalla ricerca di un’esperienza e non solo di una soddisfazione di un bisogno primario. Certamente il mondo digital rappresenta un supporto alla conoscenza e reputazione del proprio brand, alla fidelizzazione e alla diffusione e viralizzazione dei messaggi.

 L’azienda sta rafforzando in questo senso anche la propria rete di influencer e community digitali sul food orientando i suoi futuri investimenti anche su questo fronte.

Ricette sfiziose con i prodotti Del Colle

Quali sono i vostri progetti futuri?

La nostra è un’azienda nata come azienda artigianale che è cresciuta negli anni e ancora continua a crescere. Quest’anno e i prossimi a venire saranno anni importanti di crescita.

Stiamo allargando sempre di più la nostra presenza nei canali distributivi, stiamo investendo in R&S, ridefinendo la nostra immagine e strategia di mercato, investendo in nuova tecnologia sia per migliorare l’efficienza produttiva, sia per garantire una maggiore qualità e sicurezza del prodotto finito.  Siamo prevalentemente legati al mercato domestico ma proiettando di più lo sguardo al resto del mondo.

Sicuramente la situazione mondiale attuale ha creato nuovi equilibri e sfide che richiedono una ripianificazione delle strategie di internazionalizzazione. Una scommessa comunque che Del Colle è intenzionata a portare avanti cercando di cogliere i cambiamenti in atto ed intercettando le giuste traiettorie.

Azienda Del Colle: piantagione di lenticchie

 

 

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Storie — Emilia-Romagna 4 min

Cibo e donna, un rapporto antico spiegato dalla Prof.ssa Giuseppina Muzzarelli

Una lettura alla scoperta del rapporto tra "cibo e Donna", in un'attenta analisi della Prof.ssa Giuseppina Muzzarelli. Scopriamo insieme i pensieri dell'autrice.
Storie — Basilicata 3 min

Marmellando, il brand italiano esempio di impresa agroalimentare agile

Intervista a Carola Guarino, co-founder di Marmellando, brand che produce gustose confetture, gelatine, marmellate e composte con abbinamenti originali.
Storie — Basilicata 5 min

Lumacamente, il cambiamento parte dalla elicicoltura

Intervista a Veronica e Mimmo, imprenditori romani trapiantati in Basilicata, dove hanno avviato Lumacamente, azienda dedita alla elicicoltura.

Regioni correlate

Esperienze simili

Itinerari — Toscana 4 min

Vacanze in Argentario: tutto quello che devi sapere e assaggiare

Informazioni su luoghi da visitare e piatti tipici da assaggiare per chi decide di trascorrere le proprie vacanze in Argentario, un territorio tutto da scoprire.
Storie — Toscana 3 min

Un tocco di zenzero: il food-travel blog di Sandra Salerno

Intervista a Sandra Salerno, autrice del blog Un tocco di zenzero e del libro Asparagi, bagoss e altre cose buone, pubblicato da Baldini&Castoldi nel 2013.
Prodotti — Veneto < 1 min

Vino Italiano – Eccellenza del Gusto

Mappa dei vini italiani censiti su Italian Food Experience, regione per regione, con link alle schede di ogni vino.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X