italian food experience loading

Cioccolatitaliani, 10 anni di passione per il cioccolato

8 feb — 2019   Lettura 4 min
Storie

Le iniziative più interessanti nel settore food spesso sono quelle che rimescolano le carte della tradizione con nuove esperienze di gusto, reinventando il modo di vivere un determinato alimento. È quello che sta facendo Cioccolatitaliani, una interessante realtà nata a Milano che ha già conquistato diversi mercati, proponendo una nuova esperienza legata al consumo del cioccolato di qualità.

Cioccolatitaliani unisce il cioccolato alla gelateria, alla caffetteria, alla pasticceria e anche alla cucina, esaltando le qualità di una materia prima d’eccellenza e rendendo unici una tazzina di caffè, un gelato, una torta o un piatto esclusivo.

Per conoscere meglio questa realtà e i motivi per cui opera con successo, in Italia e all’estero, abbiamo intervistato Vincenzo Ferrieri, amministratore delegato di Cioccolatitaliani: abbiamo scoperto un mondo fatto di qualità e gusto e, con sincerità, ci è venuta una gran voglia di cioccolato.

La stessa cosa capiterà a voi durante la lettura dell’intervista, ne siamo più che certi.

 

Alcune varietà di Cioccolatitaliani

Alcune varietà di Cioccolatitaliani

 

Ciao Vincenzo, benvenuto su Italian Food Experience. Cos’è Cioccolatitaliani?

Cioccolatitaliani è il primo format italiano di somministrazione completamente dedicato al mondo del cioccolato. Fondato nel 2009 a Milano, il concept combina il migliore cioccolato del mondo con gelateria, pasticceria, caffetteria e cucina. L’obiettivo è creare un nuovo modo di vivere il cioccolato, partendo da una materia prima d’eccellenza per assaporarne tutte le qualità, rendendo unici – di volta in volta – una tazzina di caffè, un gelato, una torta o un piatto d’eccezione.

Cioccolatitaliani è un luogo multiforme, in cui vivere il cioccolato in modo nuovo, dalle fasi di lavorazione quotidiane alla preparazione al momento: uno show-cooking applicato per raccontare e coinvolgere.

 

Qual è l’obiettivo di Cioccolatitaliani?

Il nostro obiettivo è sviluppare l’arte della Chocology, che è l’arte di mixare il cioccolato con la gelateria, la caffetteria, la pasticceria e anche la cucina. Abbiamo creato un nuovo modo di vivere il cioccolato, un nuovo segmento di mercato, quello del chocolate bar. Questo ci ha permesso di abbracciare una clientela molto ampia, che va dall’intenditore al bambino che vuole semplicemente gustare un gelato al cioccolato. Ai clienti piace non solo la qualità del nostro prodotto, ma tutto il nostro mondo, che vivono nelle varie fasi della giornata, dalla colazione alla cena.

 

Come è nata l’idea di creare un format italiano dedicato al cioccolato?

Cioccolatitaliani nasce da un’intuizione della famiglia, anche grazie alla lunga esperienza nel mondo della pasticceria e della somministrazione alimentare. Per anticipare il fermento intorno al settore food e  alle  nuove  aperture  di  locali  specializzati, ho convinto mio padre – che già stava meditando di investire nel settore del gelato – a scommettere su un’idea diversa e iniziare un nuovo corso a Milano. La strada giusta era prendere un prodotto meno stagionale e specializzarsi al massimo declinandolo in tutte le forme possibili. La scelta è quindi caduta sul cioccolato.

 

Quali figure professionali fanno parte del team di lavoro Cioccolatitaliani?

Cioccolatieri, pasticceri e chef si adoperano ogni giorno nei nostri laboratori a vista per preparare gelato artigianale, dolci, cioccolato e molto altro davanti agli occhi dei clienti permettendogli di assistere alle singole fasi di produzione e lavorazione.

 

Quali varietà di cacao utilizzate per la realizzazione del cioccolato?

Utilizziamo solo cacao Fino De Aroma, proveniente da Colombia, Ecuador, Venezuela e Perù, la cui denominazione viene attribuita direttamente dalla International Cocoa Organization (ICCO) e identifica il frutto nato dall’incontro tra le fave di Criollo e quelle di Trinitario, che racchiudono sfumature aromatiche di fiori e frutta con note maltate. Questa pregiata varietà di cacao rappresenta soltanto l’8% del raccolto mondiale: purezza e delicatezza sono le caratteristiche principali delle sue piante che richiedono cure speciali e una grande dedizione per crescere forti e rigogliose.

 


 

Quali sono le caratteristiche ottimali che devono possedere le fave di cacao per la buona riuscita del prodotto finale? Come le selezionate?

Come prima cosa, è importante che il frutto venga raccolto a piena maturazione, né prima, né dopo. Successivamente, i frutti devono essere fermentati a temperatura controllata e costante così da non creare differenze fra gli stessi: fermentazioni irregolari, infatti, creano disomogeneità nel prodotto finale. In ultimo, la fase di essiccazione deve essere eseguita naturalmente a temperature calde (i frutti vanno posti al sole con le dovute protezioni oppure scaldate con fuoco acceso senza additivi chimici che verrebbero assorbiti dalle fave inficiando il gusto finale). In questa fase, inoltre, è fondamentale eliminare in toto l’umidità che favorisce l’insorgere di muffe durante il trasporto. Il segreto è dunque selezionare non tanto le piante, quanto i produttori che seguono correttamente la filiera garantendo un prodotto ottimale.

 

Cioccolatitaliani ha conquistato anche i mercati esteri?

Lo sviluppo di Cioccolatitaliani si è articolato negli ultimi 8 anni lungo tutto il Medio Oriente con punti vendita distribuiti fra Qatar, Kuwait, Oman, Arabia Saudita e Bahrain. Sono presidiati, inoltre, il mercato albanese e in particolare la città di Tirana e il Kosovo con la recente apertura del punto vendita di Prizren.

 

Qual è il vostro target, in Italia?

Il target di Cioccolatitaliani è composto per la maggior parte da donne (circa il 70%) di età compresa fra i 14 e i 45 anni.

 


 

Progetti per il futuro?

Il piano industriale prevede il raddoppio del numero dei punti vendita e il potenziamento del canale del travel retail, con nuove aperture all’interno di stazioni ferroviarie e aeroporti. Lo sviluppo di Cioccolatitaliani continuerà dall’Italia, dove la società sta analizzando location per nuove aperture a Firenze, Venezia, Milano, Roma e Torino, per poi procedere con l’ingresso diretto su uno dei mercati focus in Europa: Gran Bretagna, Spagna o Francia. Finora siamo sempre cresciuti in collaborazione con partner stranieri; ora, invece, vogliamo entrare in prima persona nei paesi dove riteniamo di poter ripetere quanto di buono abbiamo fatto in Medio Oriente.

 

Regalare una scatola di cioccolatini per San Valentino è un classico gesto di affetto e amore: esiste una gamma di prodotti Cioccolatitaliani dedicata alla festa degli innamorati?

Ogni anno creiamo nuovi prodotti a edizione limitata per le occasioni speciali. Per questo San Valentino abbiamo pensato a una linea di lollipop di cioccolato bianco a forma di cuore spruzzati di rosso e a una serie di cuori di fondente e latte di vari formati e dimensioni in scatoline tematizzate.

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Storie 5 min

Con My Cooking Box portiamo le ricette italiane nel mondo

Intervista a Chiara Rota, CEO di My Cooking Box, start-up che propone food box contenente tutti gli ingredienti realizzare ricette italiane.
Storie — Toscana 7 min

Intervista ad Andrea Casadio, l’ideatore di AllerGenio

Intervista ad Andrea Casadio, l'ideatore di AllerGenio, motore di ricerca che identificare gli allergeni in un database di oltre diciottomila ingredienti.
Storie — Puglia 5 min

Azienda Azzollini, tradizione e innovazione con la coltura idroponica

Intervista a Giuseppe Azzolini, titolare dell'Azienda Agricola Azzollini di Giovinazzo, in provincia di Bari, specializzata nella coltura idroponica.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X