italian food experience loading

Valtellina Superiore DOCG

25 Ott — 2017   Lettura 1 min
Prodotti Lombardia
i vini italiani di #italianfoodexperience

i vini italiani di #italianfoodexperience

La denominazione Valtellina Superiore DOCG rappresenta una delle più importanti aree vitivinicole della regione Lombardia.

Le origini della viticoltura in Valtellina sono molto antiche, riconducibile in epoca romana o quantomeno longobarda, se non addirittura pre-romana in quanto i primi abitatori della valle furono i Liguri a cui seguirono gli Etruschi, ed entrambi i popoli conoscevano la coltura della vite.

Il grande impulso viticolo nasce con il governo svizzero da parte della Lega Grigia (Cantone Grigioni), ci sono voluti circa tre secoli, dal 1550 al 1797, per arrivare alla fama della viticoltura e dell’esportazione dei vini della Valtellina che si diffusero verso le corti del centro e nord europa.

La denominazione di origine Valtellina Superiore DOCG è dedicata ai vini rossi, fermi e secchi, prodotti nella Valtellina, in provincia di Sondrio, a partire dal vitigno Nebbiolo (localmente chiamato “Chiavennasca“) per almeno il 90% del totale.

La DOCG Valtellina Superiore dei vinicoli lombardi è regolato dal disciplinare di produzione approvato dapprima nel 1968 e modificato successivamente nel 2010.

La zona di produzione

La Valtellina, la valle del corso superiore dell’Adda, è una delle più importanti zone viticole della Lombardia. È una zona di montagna che ha la particolarità di essere orientata da est a ovest, mentre tutte le altre valli fluviali alpine si sviluppano da nord a sud, delimitata da alte montagne e ripidi pendii.

La docg Valtellina superiore comprende le sottozone Sassella, Grumello, Inferno, Valgella, Maroggia.

 

SCHEDA TECNICA

Denominazione Valtellina Superiore DOCG
Varietà d’uva 90% Nebbiolo (Chiavennasca). Per l’eventuale restante 10% possono essere impiegati altri vitigni non aromatici a bacca rossa riconosciuti idonei alla coltivazione da parte della provincia di Sondrio.
Resa Di Uva In Vino Max 70% Vinificazione e Affinamento Tutte le operazioni di vinificazione ed invecchiamento devono essere condotte all’interno di questa area geografica: in questo modo si tutela il vino e la sua filiera produttiva dalla vigna sino alla tavola. Il periodo minimo di affinamento è di 24 mesi, dei quali almeno 12 in botti di legno. I vini possono portare la qualificazione “riserva” se sottoposti ad un periodo di invecchiamento di almeno tre anni. Colore Rosso rubino tendente al granato; Profumo Il suo profumo è caratteristico, persistente e sottile gradevole. Gusto Al palato risulta asciutto e leggermente tannico, vellutato, armonico e caratteristico. Alcol 12,0%vol Acidità 5,0 g/l Abbinamenti Può essere abbinato a primi piatti conditi con sughi di carne di selvaggina, a secondi piatti robusti preferibilmente a base di carni rosse lungamente cotte, a formaggi a pasta dura stagionata e piatti tipici del posto. Temperatura ideale di Servizio 18°C Max 70%
Vinificazione e Affinamento Tutte le operazioni di vinificazione ed invecchiamento devono essere condotte all’interno di questa area geografica: in questo modo si tutela il vino e la sua filiera produttiva dalla vigna sino alla tavola. Il periodo minimo di affinamento è di 24 mesi, dei quali almeno 12 in botti di legno. I vini possono portare la qualificazione “riserva” se sottoposti ad un periodo di invecchiamento di almeno tre anni.
Colore Rosso rubino tendente al granato
Profumo Il suo profumo è caratteristico, persistente e sottile gradevole.
Gusto Al palato risulta asciutto e leggermente tannico, vellutato, armonico e caratteristico.
Alcol 12% vol
Acidità 5,0 g/l
Abbinamenti Può essere abbinato a primi piatti conditi con sughi di carne di selvaggina, a secondi piatti robusti preferibilmente a base di carni rosse lungamente cotte, a formaggi a pasta dura stagionata e piatti tipici del posto.
Temperatura ideale di Servizio 18°C

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Storie — Calabria 10 min

Goji Italiano: tutto quello che occorre sapere sulle bacche di goji nostrane

Intervista a Rosario Previtera, agronomo e presidente della Rete di imprese LYKION per la filiera del Goji Italiano e di Nutraceutical Academy.
Prodotti — Sicilia 3 min

Cavolo trunzu di Acireale, sapore e bontà alle pendici dell’Etna

Caratteristiche e proprietà del cavolo trunzu, saporito ortaggio coltivato in provincia di Catania molto apprezzato per i suoi benefici e per il suo sapore.
News 6 min

Dolci tipici natalizi in Italia, regione per regione

Una lista di dolci tipici natalizi in Italia, regione per regione, con storia, caratteristiche e tradizioni legate a questi prodotti.

Regioni correlate

Esperienze simili

Storie — Lombardia 4 min

Nutribees : Crea, cucina e consegna solo cibi sani

Intervista a Giovanni Menozzi, giovanissimo founder della start-up NutriBees, il servizio di healthy food delivery per garantire una sana alimentazione.
Storie — Lombardia 6 min

Marta Poli, competenze e passione nel nome del vino

Intervista a Marta Poli, Export Sales Manager di Franciacorta, con la quale abbiamo parlato di vino, settore vitivinicolo in Italia e all’estero, made in Italy.
Storie — Lombardia 3 min

L’arte nel piatto: intervista alla designer Ilaria Innocenti

Ilaria Innocenti, designer, interior e art director emiliana che vive e lavora a Milano, nel 2010 ha creato il brand Ilaria.i.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X