italian food experience loading

Mai Dire Mai, un progetto per la produzione di vino della Valpolicella

9 mar — 2018   Lettura 3 min
Prodotti Veneto

Parlare di due vini quali l’Amarone della Valpolicella e il Valpolicella Superiore significa immergersi nella qualità e nell’eccellenza della viticoltura italiana.

Queste due varietà di vini sono il risultato di un progetto vinicolo denominato ‘Mai dire mai’, nato nel 2015 dall’incontro delle famiglie Pasqua, conosciuta da tempo per essere proprietaria delle Cantine del Veronese, e Dal Colle.

 

Amarone della Valpolicella

 

Collina di Montevegro sinonimo di qualità

La vigna che ospita l’uva dell’Amarone della Valpolicella e del Valpolicella Superiore si trova sulla collina Montevegro, che a sua volta si affaccia sulla Val d’Illasi (la quale si estende per 39 km e appartiene alla regione Veneto e alla provincia di Verona) e la Val di Mezzane (situata ad est di Verona, essa inizia dall’abitato di Vago di Lavagno), definita da Riccardo Pasqua, amministratore delegato dell’azienda, unica. Il proprietario del vigneto è Egidio Dal Colle, appassionato della produzione di vino, nonostante questa non sia la sua prima attività (è un industriale che opera nel settore dolciario).




Sin da subito, le due famiglie hanno puntato sul vigneto di Montevegro (che è anche un giardino botanico che ospita circa 10 mila varietà di piante, da Corvina a Oseleta), poiché in grado di produrre vini di alta qualità, grazie anche dall’esperienza maturata in quasi cento anni di produzione vinicola da parte delle Cantine del Veronese.

La dimostrazione di qualità dell’Amarone della Valpolicella 2010 e del Valpolicella Superiore 2012 si è consolidata durante il Vinitaly di Verona, entrambi vini rossi “austeri” e “aristocratici”.

 

 

Due vini quasi identici eppure differenti

L’uvaggio è identico per entrambi i vini ma il risultato finale è differente. L’Amarone dimostra ‘concentrazione, struttura ed eleganza’, il Valpolicella Superiore ‘persistenza’ che colpisce grazie alle sue ‘note speziate’.

A monte del processo produttivo, vi è per il Valpolicella Superiore una raccolta scrupolosa a mano dell’uva, in seguito sottoposta a pressatura soffice e, infine, fermentazione. Il periodo di affinamento è di 18 mesi, durante i quali il vino viene conservato in botti e barrique, rispettivamente da 500 e 225 litri. Per l’Amarone avviene, allo stesso modo, un’attenta raccolta a mano dell’uva che, dopo essere stata selezionata, viene posta ad appassire per un tempo di 4 mesi in cassette.

Si prevede, inoltre, un aumento di produzione di vino nel 2018: dalle 2 mila bottiglie di Amarone alle 4 mila, mentre, dalle 4 mila del Valpolicella Superiore alle 8 mila.

 

Umberto Pasqua e figli

Umberto Pasqua e figli

 

Packaging vintage

Altro notevole punto a favore del vino è il packaging del prodotto delle due famiglie, il quale mantiene lo stile francese e conserva quello vintage.

L’etichetta del prodotto gioca sulla fusione tra le due produzioni. Da un lato, la raffigurazione di Villa Boschi della famiglia Dal Colle, luogo in cui si svolgono degustazioni, cene e visite guidate; dall’altro, la scritta tipicamente vintage che ricorda il primo brand storico Pasqua, risalente al primo ventennio del XX secolo.

 

Conclusioni

L’intento del progetto, portato avanti dalla commistione delle due produzioni vinicole, risulta essere innovativo e capace di dimostrare unicità ed eleganza di gusto. Capace, quindi, di conquistare i mercati internazionali.

Categorie correlate

Esperienze simili

Storie — Basilicata 7 min

Breadway, il festival del pane di Matera

Intervista a Francesco Ruggieri e ai panificatori Patrizia Perrone e Massimo Cifarelli per conoscere meglio il progetto Breadway - Le Vie del Pane, inserito nel programma di Matera 2019.
Storie — Sicilia 4 min

Con Enza Milazzo alla scoperta del Fico d’India DOP siciliano

Intervista a Enza Milazzo, produttrice di fichi d'india di San Cono DOP, frutto che possiede molte proprietà benefiche e ancora troppo sottovalutato.
Prodotti — Basilicata 3 min

Un progetto per il ripristino del Suino Nero Lucano in Basilicata

In Basilicata è in atto un progetto per il ripristino del suino nero lucano, razza suina locale dalla quale vengono prodotte carni per consumo fresco e salumi locali vari.

Regioni correlate

Esperienze simili

Prodotti — Veneto 3 min

Moeche, i gustosi gioielli della laguna di Venezia

Le moeche sono granchi verdi che vengono pescati in un particolare periodo della loro vita. Scopriamo con Italian Food Experience questa prelibatezza tipica della laguna veneziana.
News — Veneto 2 min

Consorzio Tutela Vini Valpolicella: cresce il fatturato e vola l’export

I numeri relativi al 2017 del Consorzio Tutela Vini Valpolicella: fra i risultati raggiunti, la crescita di fatturato ed export dei vini Valpolicella.
Storie — Veneto 4 min

La cantina Ferro13 con uno dei suoi fondatori, Gabriele Stringa

Intervista a Gabriele Stringa, uno dei fondatori della cantina Ferro13 di Verona, con cui palriamo di un'eccellenza italiana tra le più amate al mondo: il vino.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X