italian food experience loading

Pompia, l’agrume sardo perfetto per dolci e liquori

5 Apr — 2018   Lettura 2 min
Prodotti Sardegna

La pompia, nota anche come Citrus monstruosa, è un agrume sardo che viene coltivato nei comuni di Siniscola, Posada, Torpè e Orosei. Si tratta di un frutto raro e particolare che viene sfruttato sia per le sue proprietà benefiche sia per realizzare una vasta gamma di dessert e altre preparazioni, come il celebre liquore di pompia.

Scopriamo nel dettaglio tutto quello che c’è da sapere su questo prodotto tipico.

 

Caratteristiche della pompia

La pompia è una varietà di limone dalla forma tonda e un po’ schiacciata che cresce esclusivamente in Sardegna e, in particolare, nei territori di Siniscola, Posada, Torpè e Orosei. Questo limone “mostruoso” (può arrivare a pesare 1 chilogrammo) è di colore giallo, ma quando matura tende al color ambra; la sua scorza è spessa, rugosa, bitorzoluta e irregolare. Va rilevato, inoltre, che la sua polpa è molto succosa, ma il sapore è decisamente acido: essa, pertanto, non può essere mangiata, ma viene utilizzata per lucidare il rame o l’argento. Ad ogni modo, la parte più sfruttata di questo agrume in cucina è l’albedo, ovvero lo strato interno che si trova sotto la scorza, dal caratteristico colore bianco.

L’olio essenziale che si ricava dalla pompia, invece, viene impiegato per contrastare diversi disturbi a carico dell’apparato genitale femminile, del sistema digerente e di quello respiratorio.

 

 

Le origini della pompia

Non sono certe le origini della pompia; tuttavia, si ipotizza che essa sia nata da un incrocio naturale tra diversi agrumi (probabilmente il cedro, il limone e il pompelmo) in epoca medievale.

La prima testimonianza scritta dell’esistenza della pompia risale al diciottesimo secolo: il botanico di Sassari Andrea Manca Dell’Arca, parlando dei frutti tipici della sua regione, cita la pompia, indicando come luogo di coltivazione Milis, in provincia di Oristano.

Il vero e proprio boom della pompia si è avuto tuttavia soltanto negli anni Novanta del secolo scorso, quando è stato avviato un progetto di agricoltura per finalità sociali nell’area di Siniscola. Nel 2004, poi, 5 produttori hanno istituito a Siniscola il Presidio Slow Food della Pompia, finalizzato a tutelare questo benefico e raro agrume che costituisce un mirabile esempio di biodiversità del territorio sardo.

 



 

Prodotti realizzati con la pompia

La pompia viene utilizzata in numerose e gustose preparazioni culinarie. Con l’albedo dell’agrume, ad esempio, si realizzano dei deliziosi dolci tradizionali.

Le ricette più celebri a base di pompia della enogastronomia sarda sono la Sa pompia intrea, la S’Aranzata, la marmellata e il liquore di pompia.

 

 

Sa pompia intrea

La Sa pompia intrea è una gustosa torta realizzata con pezzetti dell’agrume, con le mandorle sgusciate, con miele millefiori e con piccoli pezzettini di confetti multicolor; la torta, preparata per lo più in occasione dei matrimoni, solitamente si taglia in fette romboidali e si serve su foglie di arancio oppure di limone. La sa pompia intrea va accompagnata con della buona vernaccia di Oristano o in alternativa con un gustoso bianco secco. Questa preparazione è stata ricordata dalla celebre autrice sarda Grazia Deledda nell’opera “La chiesa della solitudine” e precedentemente nel dizionario ottocentesco dell’Angius-Casalis.

 

S’Aranzata

La S’Aranzata è un dolce che si realizza con l’agrume caramellato e le mandorle dolci.

 

Marmellata di pompia

Molto buona è anche la marmellata di pompia, caratterizzata da un gradevole retrogusto amarognolo: la soluzione ideale per una colazione sana e nutriente.

 

Liquore di pompia

La scorza della pompia, infine, si utilizza per preparare un ottimo liquore (licore de pompia), che è consigliabile servire freddo e che è molto apprezzato per le sue capacità digestive.

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Prodotti — Marche < 1 min

Castelli di Jesi Verdicchio Riserva

Castelli di Jesi Verdicchio Riserva: storia, caratteristiche, zona di produzione e scheda tecnica di questo vino bianco delle Marche.
Prodotti — Veneto 2 min

Moeche, i gustosi gioielli della laguna di Venezia

Le moeche sono granchi verdi che vengono pescati in un particolare periodo della loro vita. Scopriamo con Italian Food Experience questa prelibatezza tipica della laguna veneziana.
Prodotti — Sicilia 4 min

Fico d’India, il frutto simbolo dell’estate e succoso cibo mediterraneo

Fico d’India: origini, caratteristiche e proprietà di questo antico e gustoso frutto originario dell’America Centrale e oggi diffuso in tutto il Mediterraneo.

Regioni correlate

Esperienze simili

Prodotti — Sardegna 2 min

Sebadas, il dolce tipico natalizio della Sardegna

Storia, caratteristiche e modalità di preparazione della Sebadas, dolce tipico natalizio della Sardegna ripieno di formaggio fresco o ricotta.
Storie — Calabria 10 min

Goji Italiano: tutto quello che occorre sapere sulle bacche di goji nostrane

Intervista a Rosario Previtera, agronomo e presidente della Rete di imprese LYKION per la filiera del Goji Italiano e di Nutraceutical Academy.
News — Veneto 4 min

Coronavirus: «Italia protetta» e settore agroalimentare: come andrà a finire?

Coronavirus: iniziamo col mettere in atto le direttive del Ministero della Sanità, utili per evitare i contagi e neutralizzare il nostro nemico comune.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X