italian food experience loading

Pistacchio di Bronte, l’oro verde di Sicilia

29 mar — 2018   Lettura 4 min
Prodotti Sicilia

Il Mediterraneo è da sempre mare del gusto, degli aromi, dei sapori, delle spezie. Storica area di scambio tra Oriente e Occidente, è attraverso il Mare Nostrum che il pistacchio raggiunge l’Italia. Un frutto che viene da lontano, dalla Persia e dalla Turchia, e si è radicato in Sicilia, in particolare a Bronte.

È una pianta molto antica: già nota e coltivata  dagli antichi ebrei, che ritenevano il suo frutto prezioso, la coltivazione del pistacchio fu poi incrementata e sperimentata dagli Arabi, che strapparono la Sicilia ai Bizantini i quali trovarono nell’isola, in particolare alle pendici dell’Etna, l’habitat naturale per uno sviluppo rigoglioso e peculiare della pianta. È così che nasce il pistacchio di Bronte, la cui notorietà è cresciuta enormemente negli anni e, di conseguenza, anche la richiesta.

Nel 2009, il pistacchio di Bronte ha ottenuto la Denominazione di origine protetta DOP.

 

Pianta del pistacchio di Bronte

 

Caratteristiche del pistacchio di Bronte

Il pistacchio di Bronte deve le sue caratteristiche pregiate e uniche al suo territorio: evidente è lo straordinario connubio tra la pianta e il terreno lavico che, concimato continuamente dalle ceneri vulcaniche, dà origine a un frutto che, dal punto di vista del gusto e dell’aroma, supera come qualità la restante produzione mondiale. La caratteristica di maggior importanza del pistacchio di Bronte riguarda il contenuto di clorofilla, superiore ad altri tipi di pistacchio, ed è a questo che si deve il suo colore verde intenso. Inoltre, il sapore è nettamente più deciso, grazie alle caratteristiche del terreno, ricco di sostanze minerali anche per via delle frequenti colate laviche dell’Etna.

Il Pistacchio di Bronte è dolce, delicato, aromatico. Può essere consumato in guscio naturale (comunemente detto “a bocca aperta”) ed è il primo prodotto disponibile alla commercializzazione, anche se è sempre meno disponibile sul mercato per ovvi motivi come il costo della manodopera elevata: i chicchi, infatti, vengono selezionati manualmente scegliendo quelli con il guscio aperto almeno di alcuni millimetri, per consentire al consumatore di aprire il frutto con le unghia e consumare il prodotto. In tal senso, è da consumare fresco, senza tostatura o salatura.

 

Pistacchio di Bronte - www.ilpistacchio.it

 

Coltivazione e produzione

La raccolta avviene alla fine dell’estate, tra agosto e settembre, ma solo ad anni alterni: un anno la raccolta, l’anno successivo si eliminano le gemme per proteggere la pianta.

La coltivazione e la produzione di pistacchio rappresentano un’importante fonte di reddito per i brontesi, tanto da essere soprannominato “oro verde”, per il suo alto valore commerciale. A Bronte, paese della provincia di Catania, si producono infatti un’infinita varietà di prodotti derivati dalla lavorazione del pistacchio, come il famoso pesto di pistacchio per il condimento della pasta, il gelato al pistacchio, i biscotti di pistacchio, la crema di pistacchio, il cioccolato al pistacchio e molti altri.
In termini numerici, il pistacchio di Bronte rappresenta oltre il 90% della produzione italiana di pistacchio e circa il 2% di quella mondiale.

 



 

Proprietà e benefici del Pistacchio di Bronte

A trarre il maggiore vantaggio dal consumo di pistacchio di Bronte è il sistema cardiovascolare,  poiché aiuta a contrastare molti fattori di rischio, tra cui il diabete di tipo 2. Non solo: la particolare composizione dei grassi del pistacchio, insieme alla ricchezze di fibre, aiuta a modulare la glicemia postprandiale e a mantenere nella norma il profilo lipidico.

I pistacchi sono privi di colesterolo: 30 grammi di pistacchi contengono solo 13 grammi di grassi, di cui solo una minima parte (1,5 grammi) saturi; il resto è composto da grassi “buoni” e da importanti nutrienti quali proteine, potassio e vitamina E.

Il pistacchio, in generale, come gli altri semi oleosi, favorisce la riduzione di stress ossidativo e l’infiammazione: rispetto ad altri semi oleosi, contiene infatti un maggior quantitativo di sostanze antiossidanti quali luteina, tocoferoli e beta-carotene. Sono anche una buona fonte di sali minerali.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia 30g di pistacchi, magari come spuntino. Tra i vari tipi di frutta secca, è tra le meno caloriche e con un maggior numero di semi per porzione: una porzione di 30g sono circa 49 semi di pistacchi e apportano circa 170 Kcal.

 

Valori nutrizionali del pistacchio, 100 g contengono:
Calorie 566 kcal
Proteine 20,27 g
Carboidrati 27,51 g
Grassi 45.39 g
Fibra alimentare 10.3 g
Sodio 148 mg
Calcio 150 mg
Fosforo 490 mg
Potassio 1025mg
Ferro 3.92
Magnesio 121 mg

 

Usi e consumi

Il Pistacchio di Bronte viene utilizzato anche nei primi e nei secondi piatti e in tanti altri modi differenti, per esempio per aromatizzare bevande e varie pietanze. Inoltre, viene impiegato nell’industria delle carni insaccate (mortadella), ma trionfa nell’industria dolciaria in paste, torroni, mousse, confetti, e gelati.

Vale anche la pena parlare anche di una tipicità unica del territorio di Bronte: la Filletta. Un ricetta tramandata di generazione in generazione. È composta da zucchero, farina e uova. La sua è una forma perfettamente circolare dalla consistenza soffice, gustosa, dal colore caldo e perfetto.

 

Bronte - www.prolocobronte.it - foto Giuseppe Grassia

 

Bronte e le sue ricchezze

La ricchezza di Bronte non risiede solo nel suo pistacchio ma anche nella sua storia e nelle sue tradizioni.

Tra i comuni più estesi della provincia di Catania, Bronte è situata alle pendici dell’Etna ed è caratterizzata da salite e discese. Il suo centro storico ospita da secoli la Sagra del pistacchio che, insieme alla vista di viuzze e balconcini caratteristici, regala ai turisti uno spettacolo suggestivo.

La leggenda circa il nome di Bronte risulta particolare da raccontare: esso, infatti, ha origine dal ciclope Bronte, fratello del noto gigante della mitologia greca Polifemo. Egli abitava il vulcano dell’Etna e permetteva ai brontesi la coltivazione del pistacchio, guadagnando così il loro rispetto.

La storia ci dice, invece, che diverse sono state le dominazioni e i popoli succedutisi nel territorio. Furono gli Arabi, comunque, a portare il pistacchio in quest’area. Nel 1799 il territorio fu donato all’ammiraglio inglese Orazio Nelson come ricompensa.

 

 

È proprio grazie alla presenza di popoli e culture diverse fra loro, nel corso dei secoli, che Bronte vanta beni culturali unici come la chiesa di S. Blandano, la chiesa del Sacro Cuore, Casa Radice e Collegio Capizzi. A qualche chilometro da Bronte, invece, troviamo il Castello di Nelson, che oggi è in parte museo e in parte centro di studi e congressi.

Sempre approcciandosi al territorio brontese, possiamo immaginarci di visitare Bronte mangiando la Filletta accompagnata da gustosi pistacchi.

Categorie correlate

Esperienze simili

Prodotti — Veneto 3 min

Moeche, i gustosi gioielli della laguna di Venezia

Le moeche sono granchi verdi che vengono pescati in un particolare periodo della loro vita. Scopriamo con Italian Food Experience questa prelibatezza tipica della laguna veneziana.
Storie — Basilicata 7 min

Breadway, il festival del pane di Matera

Intervista a Francesco Ruggieri e ai panificatori Patrizia Perrone e Massimo Cifarelli per conoscere meglio il progetto Breadway - Le Vie del Pane, inserito nel programma di Matera 2019.
Prodotti — Sicilia 2 min

Mela dell’Etna, il frutto coltivato alle pendici del vulcano

Caratteristiche, produzione e sagre dedicate alla mela dell’Etna, frutto tipico coltivato alle pendici del vulcano siciliano, che è anche Presidio Slow Food.

Regioni correlate

Esperienze simili

Storie — Sicilia 6 min

Il gusto della Sicilia in giro per l’Italia con FUD Bottega Sicula

Intervista ad Andrea Graziano di FUD Bottega Sicula, punti vendita a Palermo, Catania e Milano in cui vengono proposte specialità tipiche della Sicilia a km 0.
Prodotti — Sicilia 2 min

Mela dell’Etna, il frutto coltivato alle pendici del vulcano

Caratteristiche, produzione e sagre dedicate alla mela dell’Etna, frutto tipico coltivato alle pendici del vulcano siciliano, che è anche Presidio Slow Food.
Prodotti — Sicilia 2 min

Cappero di Salina, perla del buon gusto mediterraneo

Cappero di Salina: le caratteristiche, i benefici, come viene raccolto e consumato questo prodotto tipico siciliano, vero e proprio tesoro della cucina mediterranea.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X