italian food experience loading

Petit Rouge

23 ott — 2017   Lettura 1 min
Prodotti Valle d'Aosta
i vini italiani di #italianfoodexperience

i vini italiani di #italianfoodexperience

 

Il vitigno Petit rouge è considerato il migliore vitigno a bacca rossa della Valle d’Aosta, di cui è con tutta probabilità da considerarsi un reale autoctono.

È un vino prodotto da uve Petit Rouge, in una quantità pari ad un minimo dell’85%, più l’eventuale aggiunta di altre uve a bacca rossa della zona, quest’uva è utilizzata per una vasta gamma di vini rossi Valle D’Aosta DOC, soprattutto nella zona dell’Enfer d’Arvier e del Torrette.

Le prime tracce della sua coltivazione risalgono all’epoca dell’antica Roma. Come tanti altri vitigni valdostani, sembra appartenere alla famiglia degli autoctoni “Orious”, che a sua volta include due sottofamiglie, i “Gros Orious” e i “Petits Orious” cui il vitigno Petit Rouge ne fa parte. In Val D’Aosta ci sono piccole produzioni ottenute da storici vigneti di Petit Rouge coltivati lungo la valle della Dora Baltea.

Storico vitigno valdostano conosciuto dai “valdotains” anche come “Pitchou rodzo”, il Petit rouge è attualmente il più coltivato in Valle d’Aosta, rappresenta circa il 20% della superficie vitata regionale. Circa 50 ettari sono destinati alla produzione di vini a Denominazione d’Origine, ossia poco meno di un quarto alla superficie Doc valdostana; la restante superficie è dedicata alla produzione di vini da tavola o alla vinificazione per autoconsumo familiare.

In cucina viene usato soprattutto per accompagnare le ricette valdostane e dallo stesso vitigno si ottiene anche la più tipica grappa valdostana.

 

ZONA DI PRODUZIONE

La sua zona di coltivazione si estende dal comune di Saint Vincent fino ad Avise, sulla destra e sulla sinistra orografica della Dora Baltea, fino ad altitudini di circa 750 metri sul livello del mare.

 

SCHEDA TECNICA

Denominazione Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste DOC
Varietà d’uva Petit rouge min.85%, max 15% altri vitigni a bacca rossa
Resa Di Uva In Vino Max 70,0%
Vinificazione e Affinamento Vinificazione tradizionale in rosso. Affinamento minimo 5 mesi a decorrere dal dicembre successivo alla vendemmia
Colore Rosso rubino tendente al granata da maturo, tavolta con riflessi color malva.
Profumo Intenso, di rosa canina e viola, se maturo tende alla mandorla.
Gusto Secco e vellutato, lievemente tanninico. Vino in evoluzione, con la massima espressione dopo due anni dalla raccolta.
Alcol 12,00-13,00 % Vol
Acidità 4,50 g/l
Abbinamenti Si accompagna bene con i salumi e le zuppe, adatto a tutto pasto.
Temperatura ideale di Servizio 18-20 °C

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Prodotti — Liguria 2 min

Aglio di Vessalico, il prodotto Slow Food eccellenza della Liguria

Aglio di Vessalico: proprietà, benefici, periodo di semina e raccolta, come viene utilizzato in cucina e la fiera dedicata a questo prodotto Slow Food della Liguria.
News 2 min

Salviamo le api per salvare il miele e l’ecosistema

L'anno 2017 rischia di essere ricordato come un anno nero per la produzione di miele. Le avversità climatiche, le coltivazioni massiccie sono alcuni dei fattori che stanno gradualmente causando il crescente spopolamento delle api nei territori di produzione.
Prodotti — Basilicata 2 min

Bacche di goji, il superfood cinese che ha conquistato l’Italia

Bacche di goji: proprietà e modalità di consumo di questo superfood cinese che ha conquistato l'Italia e che una rete di imprese nostrana produce fresche.

Regioni correlate

Esperienze simili

Prodotti — Veneto 1 min

Vino Italiano – Eccellenza del Gusto

Mappa dei vini italiani censiti su Italian Food Experience, regione per regione, con link alle schede di ogni vino.
Prodotti — Valle d'Aosta 2 min

Genepì, il liquore d’erbe valdostano che sa di montagna

Descrizione e caratteristiche del Genepì, il liquore d’erbe valdostano ricavato dall’omonima pianta e molto apprezzato per il suo sapore e le sue proprietà.
Storie — Valle d'Aosta 3 min

Micooula, il pane tipico natalizio della Val D’Aosta 

Storia, caratteristiche, modalità di preparazione e alcune curiosità della Micooula, il dolce tipico natalizio della Valle d'Aosta.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X