italian food experience loading

Peperone di Carmagnola, eccellenza gastronomica del Piemonte

4 apr — 2018   Lettura 2 min
Prodotti Piemonte

 

Il peperone di Carmagnola, conosciuto anche come Bragheis, è considerato una vera e propria eccellenza gastronomica del Piemonte. Questo prodotto IGP (Indicazione geografica protetta) può essere di colore rosso acceso o giallo intenso e si contraddistingue per la sua elevata qualità, per la genuinità e per il basso contenuto di sodio rispetto alle altre varietà.

 

Dove e quando viene coltivato

Il peperone di Carmagnola è un ortaggio che si coltiva in aree pianeggianti caratterizzate da terreni sabbiosi e senza l’impiego di concimi chimici. La semina avviene nel periodo compreso tra dicembre e aprile, mentre i trapianti hanno luogo nel mese di febbraio per gli ortaggi collocati sotto tunnel e nel mese di maggio per quelli coltivati in campo. La raccolta a mano di questo ortaggio ha luogo, invece, intorno alla fine del mese di luglio e si protrae fino a ottobre.

 

Le origini del peperone di Carmagnola

Il Peperone di Carmagnola ha fatto la sua comparsa all’inizio del XX secolo nell’omonima cittadina piemontese; da allora, ha cominciato a essere coltivato anche nelle aree limitrofe, riscuotendo un enorme successo tra gli operatori agricoli e tra la popolazione. A partire dalla Seconda guerra mondiale in poi, esso è divenuto un prodotto cruciale per l’economia locale.

Oggi, come dimostrano manifestazioni, eventi e fiere esso è divenuto a buon diritto simbolo indiscusso della gastronomia tradizionale piemontese.

 

 

Le principali varietà del peperone di Carmagnola

Le principali varietà del peperone di Carmagnola sono 5:

1) il peperone quadrato (in questa variante il peperone di Carmagnola presenta una forma cubica e quattro punte);

2) il peperone quadrato allungato (presenta dimensioni inferiori al precedente ed è caratterizzato da una buccia piuttosto spessa, che si asporta facilmente dopo la cottura. Al momento rappresenta il 70% della produzione totale del peperone di Carmagnola);

3) il Corno o Lungo (presenta una forma allungata, simile a quella di un corno. La polpa di questa tipologia si caratterizza per un sapore dolce e croccante);

4) il Trottola (in questo caso, il peperone presenta una forma a cuore, con una piccola punta che lo rende simile a una trottola);

5) il Tomaticot (presenta una forma tondeggiante e leggermente schiacciata ai lati, proprio come un pomodoro; la polpa risulta essere croccante e il gusto è molto delicato. Questa varietà è quella più indicata a essere conservata sotto vetro).

 

 

Peperone di Carmagnola in cucina

Le ricette enogastronomiche tradizionali propongono di cucinare il peperone di Carmagnola in bagna càuda o caoda (letteralmente salsa calda), a base di aglio, olio, burro e latte; così condito, il peperone di Carmagnola viene servito come contorno di carni arrostite o al forno. Il peperone, inoltre, può essere farcito con carne macinata, erbe aromatiche e uova. Lo si può abbinare a una gustosa preparazione a base di crostacei, oppure può essere mangiato crudo, condito con il pinzimonio. È anche possibile farlo appassire sulla brace o nel forno: dopo aver rimosso la pelle, lo si condisce con olio, aglio e sale e lo si porta in tavola. Il peperone di Carmagnola è buonissimo pure sott’aceto, sott’olio o in versione agrodolce.

 



 

La fiera del peperone di Carmagnola

La Fiera del Peperone di Carmagnola, che fa circa 250 mila visitatori ogni anno e che ospita circa 220 stand, è un appuntamento imperdibile per tutti coloro che amano questo ortaggio. In questa occasione, il comune di Carmagnola organizza concerti in piazza, laboratori di cucina, eventi culturali e percorsi artistici.

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Prodotti — Veneto 2 min

Mai Dire Mai, un progetto per la produzione di vino della Valpolicella

L'Amarone della Valpolicella e il Valpolicella Superiore è un progetto vinicolo che si chiama Mai Dire Mai ed è per nato dall'unione di due famiglie, la cantina Pasqua e l'azienda dolciaria Dal Colle.
Prodotti — Sicilia 2 min

Mela dell’Etna, il frutto coltivato alle pendici del vulcano

Caratteristiche, produzione e sagre dedicate alla mela dell’Etna, frutto tipico coltivato alle pendici del vulcano siciliano, che è anche Presidio Slow Food.
Prodotti — Campania 1 min

Taurasi DOCG

%%title%%: storia, caratteristiche, zona di produzione e scheda tecnica di questo vino campano prodotto nell'area nord-est di Avellino.

Regioni correlate

Esperienze simili

Itinerari — Piemonte 3 min

Un salto nell’Alta Langa, patria di vigneti e della nocciola

Alla scoperta dell'Alta Langa,territorio piemontese ai confini con la Liguria fra paesaggi fiabeschi, viticoltura e prodotti gastronomici eccellenti.
Prodotti — Piemonte 2 min

Vino Carema, il rosso tra i più rinomati del Piemonte

Vino Carema: principali caratteristiche, i piatti con cui va abbinato e altre curiosità su questo vino rosso piemontese tra i più apprezzati sul mercato.
Prodotti — Valle d'Aosta 2 min

Genepì, il liquore d’erbe valdostano che sa di montagna

Descrizione e caratteristiche del Genepì, il liquore d’erbe valdostano ricavato dall’omonima pianta e molto apprezzato per il suo sapore e le sue proprietà.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X