italian food experience loading

La Nocciola del Piemonte, regina della frutta secca

31 Ago — 2018   Lettura 2 min
Prodotti Piemonte

Frutto pregiato e antico, apprezzato per i suoi valori nutrizionali sin dai tempi dell’antica Grecia e anche ai tempi di Catone – che ne consigliava la coltura negli orti cittadini di Roma – la nocciola del Piemonte è una delle eccellenze italiane. Viene coltivata nel basso Piemonte (tra Cuneo, Asti, Alessandria) e negli spettacolari paesaggi dell’Alta Langa, patrimonio Unesco dal 2014, proprio come altri prodotti simboli di quel territorio quali il Tartufo Bianco d’Alba e i grandi vini rossi del Barolo.

La nocciola è una varietà IGP che ha una grande importanza nell’economia e nella produzione dolciaria italiana. Non è un caso che ad Alba abbia sede una delle industrie di prodotti di dolci tra i più importanti al mondo, la Ferrero, resa famosa per il suo prodotto principale: la Nutella.

La storia della nocciola del Piemonte nasce con il blocco commerciale imposto da Napoleone con il mercato inglese: per continuare a realizzazione dei dolci raffinati, i pasticceri torinesi iniziarono a sostituire parte del cacao con la Nocciola Tonda Gentile delle Langhe. La miscela diede vita alla Gianduja, così denominata in onore alla maschera di carnevale torinese.

Caratteristiche della Nocciola del Piemonte

La nocciola del Piemonte è prodotta tra agosto e settembre, ma commercializzata tutto l’anno – sia con il guscio che senza – come frutta secca o sotto forma di farina o di olio.

Le caratteristiche tecniche e organolettiche che rendono la nocciola piemontese tra le più pregiate sono:

  • la forma tonda del frutto, facile da sgusciare meccanicamente;
  • il guscio sottile, per una buona resa del prodotto;
  • l’aroma dal sapore delicato;
  • la polpa molto croccante, dal tenore dei grassi limitato e quindi dalla buona conservabilità;
  • il sottile rivestimento che avvolge il seme, detto perisperma, facilmente asportabile dopo la tostatura.

Queste peculiarità fanno sì che alla Nocciola del Piemonte sia attribuita la certificazione di indicazione geografica protetta definendola, per qualità e autenticità, come la migliore al mondo. Significativa è la tutela di questo prodotto da parte del Consorzio Tutela Nocciola Piemonte (con sede a Bossolasco, in provincia di Cuneo), che ne ha la responsabilità dal 1993, oltre a promuoverla e proteggerla, rendendo così un servizio alla comunità agricola, ai consumatori e anche a pasticceri e gelatieri.

Le società che fanno parte dell’associazione di produttori “Nocciola del Piemonte“, oltre ai coltivatori, sono anche produttori che esportano in tutto il mondo, soprattutto in Francia, Inghilterra, Germania, Russia e Stati Uniti. Inoltre, negli ultimi anni si è registrato un aumento delle esportazioni verso i mercati arabi e quello cinese.

 

 

Alcuni prodotti realizzati con la Nocciola Piemontese

Alcune qualità di prodotto realizzate con la nocciola del Piemonte sono innanzitutto le creme preparate con la nocciola pura, con il cioccolato (gianduja o simil Nutella) o con il miele d’acacia. Nelle vetrine delle pasticcerie locali spesso troviamo esposte le nocciole ricoperte da uno strato leggero di cioccolato fondente o da un velo di zucchero croccante, detti “Brutti ma Buoni”. Sovrana indiscussa delle pasticcerie piemontesi è, senza ombra di dubbio, la torta con la nocciola, detta anche “Nocciolona“. Nella lista dei prodotti tipici dolciari sono da includere anche i “Baci di dama“. Un cenno è d’obbligo anche all’olio di nocciola, che viene utilizzato non solo in cucina (per trovare nuovi abbinamenti e ricette, grazie alla ricchezza di acidi grassi essenziali) ma anche in alcune terapie naturali e, dulcis in fundo, come semilavorato per la preparazione del gelato.

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Prodotti 4 min

Marchi di qualità per prodotti agroalimentari: una panoramica

Descrizione dei principali marchi di qualità italiani ed europei per i prodotti agroalimentari, strumenti sempre più importanti per la sicurezza e la qualità dei prodotti.
Prodotti — Umbria 3 min

Tanto piccola quanto unica: la lenticchia di Castelluccio

La Lenticchia di Castelluccio è un prodotto IGP coltivato in Umbria, nella Piana di Castelluccio di Norcia. Italian Food Experience vi racconta la storia, le proprietà e tante altre caratteristiche.
Prodotti — Sardegna 2 min

Sebadas, il dolce tipico natalizio della Sardegna

Storia, caratteristiche e modalità di preparazione della Sebadas, dolce tipico natalizio della Sardegna ripieno di formaggio fresco o ricotta.

Regioni correlate

Esperienze simili

Prodotti — Veneto 1 min

Vino Italiano – Eccellenza del Gusto

Mappa dei vini italiani censiti su Italian Food Experience, regione per regione, con link alle schede di ogni vino.
Storie — Piemonte 4 min

Baladin: la birra dal perfetto equilibrio aromatico

Intervista a Fabio Mozzone, Marketing Manager del Birrificio Baladin, azienda agricola piemontese che produce birre artigianali di alta qualità.
Itinerari — Piemonte 3 min

Un salto nell’Alta Langa, patria di vigneti e della nocciola

Alla scoperta dell'Alta Langa,territorio piemontese ai confini con la Liguria fra paesaggi fiabeschi, viticoltura e prodotti gastronomici eccellenti.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X