italian food experience loading

Montepulciano d’Abruzzo DOC

11 Apr — 2018   Lettura 1 min
Prodotti Abruzzo
i vini italiani di #italianfoodexperience

i vini italiani di #italianfoodexperience

La viticoltura abruzzese ha origini molto remote: le prime testimonianze della presenza del vitigno in Abruzzo risalgono già nel 1700. Il Montepulciano d’Abruzzo prende il nome dal vitigno da cui deriva e non va confuso con il Nobile di Montepulciano che, invece, deve il suo nome al luogo di provenienza, ossia il comune di Montepulciano, in Toscana.

Il Montepulciano d’Abruzzo da solo rappresenta circa l’80% del totale dei vini a denominazione prodotti in Abruzzo ed è tra i primi tre vini DOC prodotti in Italia. Nel 2007 è stato il primo vino italiano della categoria DOC per produzione.

La Denominazione di Origine Controllata risale al 1968. Rappresenta un importante riconoscimento che comporta alcune ristrettezze nella produzione, al fine di tutelare la sua qualità, così come nelle metodologie di coltivazione. Per controllare l’unicità e il rispetto dei requisiti caratteristici del vino abruzzese, è stato istituito il Consorzio per la Tutela dei vini d’Abruzzo, associazione costituita da agricoltori e produttori dei migliori vini della regione che lavora per la tutela e la valorizzazione del territorio e dei suoi migliori prodotti.

 

Zona di produzione

Coltivato prevalentemente nelle Marche, in Abruzzo e in altre regioni del centro-sud, il Montepulciano d’Abruzzo rosso è un vino DOC la cui produzione è consentita nelle province di Chieti, L’Aquila, Pescara e Teramo e proviene dal vitigno dal nome Montepulciano. La sua origine è quasi certamente abruzzese, in particolare la provincia di Pescara.

 

SCHEDA TECNICA

Denominazione Montepulciano d’Abruzzo DOC
Varietà d’uva Montepulciano 100% o max 15% di altre uve provenienti da vitigni a bacca rossa idonei alla coltivazione nel territorio abruzzese.
Resa di Uva in Vino Max 70%
Vinificazione e Affinamento Il vitigno Montepulciano d'Abruzzo è destinato alla produzione di vini rossi da lungo invecchiamento, in botti di rovere o castagno e affinamento di 6 mesi in bottiglia. Il periodo di invecchiamento decorre dal 1° novembre dell'annata di produzione delle uve.
Colore Rosso rubino intenso con lievi sfumature violacee, con l'invecchiamento tende al granato.
Profumo Intenso all’olfatto con profumi di frutti rossi (mora matura, gelso, sottobosco, visciole, maraschino) e spezie.
Gusto Pieno, asciutto, armonico, giustamente tannico.
Alcol 11,5%
Acidità 4,50 g/l
Abbinamenti Ideale per grigliate di carne suina e ovina. I vini più vecchi sono comunque preferibili con carni rosse, pezzature nobili di bovino o ovino. Ottimo anche con formaggi pecorini, di stagionatura crescente di pari passo con l'invecchiamento del vino.
Temperatura ideale di Servizio 16-18 °C

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Prodotti — Sardegna 1 min

Vermentino di Gallura

Vermentino di Gallura: storia, caratteristiche, zona di produzione e scheda tecnica di questo vino bianco prodotto nin Sardegna.
Prodotti — Emilia-Romagna 1 min

Lambrusco DOC

Lambrusco DOC: storia, caratteristica, zona di produzione e scheda tecnica di questo vino prodotto in tutta l'Emilia-Romagna e nella provincia di Mantova.
News 6 min

Dolci tipici natalizi in Italia, regione per regione

Una lista di dolci tipici natalizi in Italia, regione per regione, con storia, caratteristiche e tradizioni legate a questi prodotti.

Regioni correlate

Esperienze simili

Itinerari — Abruzzo 2 min

Piana del Fucino, la pianura nata da un antico lago

Piana del Fucino: i luoghi da visitare e i prodotti tipici da gustare in quest’area geografica dell’Abruzzo nata dopo il prosciugamento dell’omonimo lago.
Prodotti — Veneto 1 min

Vino Italiano – Eccellenza del Gusto

Mappa dei vini italiani censiti su Italian Food Experience, regione per regione, con link alle schede di ogni vino.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X