italian food experience loading

Tanto piccola quanto unica: la lenticchia di Castelluccio

15 feb — 2018   Lettura 3 min
Prodotti Umbria

Quando parliamo di legumi, potremmo descrivere le caratteristiche fisiche di questi semplici ma essenziali prodotti della natura in vari modi: le loro varietà, le forme e le proprietà permettono di esaltare non solo il palato ma anche le parole con le quali raccontare la storia di questi prodotti. Uno dei legumi più presenti sulle nostre tavole è la lenticchia, prodotto alimentare fra i più antichi che l’uomo conosca.

Originaria dell’Asia Minore e già citata nella Bibbia, la lenticchia è molto famosa anche nella nostra penisola: con la sua forma rotonda, un po’ schiacciata, il colore diverso a seconda della varietà, questo legume è presente in diversi i territori italiani. Insomma, un vero e proprio gioiello gastronomico dalle proprietà e dalle caratteristiche uniche.

 

La lenticchia di Castelluccio

Fra le diverse tipologie di lenticchie prodotte in Italia, è in Umbria che troviamo una delle varietà più antiche e gustose di questo legume: la lenticchia di Castelluccio di Norcia. Tale prodotto, infatti, si imprime nella memoria di chi visita questo territorio: viene coltivata sui piani carsici di Castelluccio di Norcia, a circa 1600 metri sul mare, in un luogo rinomato per la sua profonda bellezza paesaggistica, il Parco Nazionale dei Monti Sibillini.

La lenticchia di Castelluccio è un prodotto IGP e rappresenta una delle eccellenze del patrimonio gastronomico italiano.

 

Lenticchie di Castelluccio

 

La Piana di Castelluccio

Il paese di Castelluccio si trova a circa 28 km dalla suggestiva Norcia e ogni anno ospita la fioritura della sua Piana (per alcuni chiamata anche ‘il piccolo Tibet’ per la sua bellezza), uno spettacolo che coinvolge e attira almeno 200.000 visitatori l’anno. La piana è dolcemente circondata da montagne a loro volta ricoperte di prati, che cambiano i colori a seconda della stagione. È la stessa ma sempre diversa e permette al visitatore di entrare in simbiosi con la natura, padrona assoluta di quei luoghi.

Per godersi la festa della fioritura, bisogna attendere la fine di Maggio e l’inizio di Luglio, periodo nel quale la piana di Castelluccio si trasforma in un tripudio di colori: nuovi fiori sbocciano e nuove sfumature esplodono in tutta la zona. Oltre a ciò, bisogna ricordare che la piana di Castelluccio è famosa per le diverse attività all’aperto che è possibile svolgere:  escursionismo, mountain bike, tiro con l’arco, solo per citarne alcune.

 

Una vista di Castelluccio by assisiwolfrider.blogspot.com

 

Caratteristiche delle lenticchie di Castelluccio

Le lenticchie di Castelluccio sono molto piccole e presentano una buccia sottile, che le rende ottime per la digestione ed evita di essere inizialmente ammorbidite, a differenza di altri legumi. Inoltre, mantiene la cottura non perdendo la propria buccia per un tempo di bollitura di 20 minuti.

La lenticchia di Castelluccio viene conservata in recipienti di carta, coccio o vetro e per lunghi periodi viene tenuta in ambienti freschi e asciutti. Grazie al suo alto contenuto di proteine, questo è un prodotto con un notevole valore nutritivo, in particolar modo se associato ai cereali.

In territorio umbro, inoltre, le lenticchie di Castelluccio sono spesso associate e accompagnate da salumi tipici regionali.

La lenticchia di Castelluccio è commercializzata in confezioni di cartone, plastica o sacchetto di juta da 250, 500 g o anche 1 kg.

 


 

La lenticchia umbra muove l’economia locale

Grazie alle lenticchie, sono molte le aziende umbre in attività: queste, infatti, riescono a produrne circa 5.000 quintali l’anno, pur restando la produzione di questo prodotto abbastanza limitata.

Con le scosse di terremoto registrate tra agosto e ottobre 2016, la raccolta delle lenticchie di Castelluccio ha seriamente rischiato di cancellarsi, ma grazie all’impegno delle comunità agricole locali, insieme a Coldiretti, si è riusciti a scongiurare la perdita del raccolto.

Tra l’altro, nel 2017 la lenticchia di Castelluccio ha celebrato il ventennale dal riconoscimento comunitario I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta).

Valori nutrizionali della Lenticchia di Castelluccio (ogni 100g)
Calorie 280Kcal
Grassi Totali 2g
di cui saturi 1g
Colesterolo 0mg
Carboidrati 43g
Fibra 20g
Zuccheri 2g
Proteine 27g
Calcio 10%
Ferro 65%

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Prodotti — Calabria 1 min

Cirò Rosso DOC

Cirò Rosso Doc: storia, caratteristiche, zona di produzione e scheda tecnica di questo vino calabrese prodotto nelle province di Catanzaro e Crotone.
Prodotti — Sardegna 2 min

Carciofo Spinoso di Sardegna, ortaggio dal cuore tenero

Storia, caratteristiche e proprietà del Carciofo Spinoso di Sardegna, prodotto DOP ed eccellenza enogastronomica italiana che trova tanti impieghi in cucina.
Storie — Lombardia 6 min

Marta Poli, competenze e passione nel nome del vino

Intervista a Marta Poli, Export Sales Manager di Franciacorta, con la quale abbiamo parlato di vino, settore vitivinicolo in Italia e all’estero, made in Italy.

Regioni correlate

Esperienze simili

Prodotti — Umbria 1 min

Torgiano rosso riserva DOCG

Torgiano rosso riserva DOCG: storia, caratteristiche, zona di produzione e scheda tecnica di questo vino rosso umbro.
Prodotti — Veneto 1 min

Vino Italiano – Eccellenza del Gusto

Mappa dei vini italiani censiti su Italian Food Experience, regione per regione, con link alle schede di ogni vino.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X