italian food experience loading

Cirò Rosso DOC

25 ott — 2017   Lettura 1 min
Prodotti Calabria
i vini italiani di #italianfoodexperience

i vini italiani di #italianfoodexperience

Il Cirò DOC è il primo vino calabrese a ottenere tale denominazione, nel 1969. La sua presenza in Calabria viene fatta risalire al VIII secolo a.C., periodo della fondazione della città di Krimisa, antica colonia greca dove oggi sorge Cirò Marina. Si ritiene che questo antico vino fosse quello ufficiale delle Olimpiadi, fra gli eventi più importanti del periodo ellenico. I Greci furono sorpresi della fertilità della terra calabrese, tanto da conferirle il nome di Enotria, cioè “terra del vino”, che poi venne esteso a tutta la penisola: la terra e il clima della Calabria, infatti, giocano un ruolo fondamentale per la caratterizzazione dei vitigni atti alla produzione dei vini, soprattutto del Cirò DOC.

Dal Cirò Rosso si ottengono mosti di particolare struttura, dalle accentuate caratteristiche organolettiche, adatti all’affinamento in legno, ed è consigliabile l’apertura della bottiglia almeno un’ora prima della degustazione o fino a diverse ore, in caso di un vino di più lungo affinamento o che abbia trascorso un lungo periodo in cantina.

 

Zona di produzione

È prodotto principalmente nelle province di Crotone e Catanzaro: in queste aree della Calabria, infatti, risultano più diffusi i vitigni dedicati alla produzione del Cirò Rosso DOC. Se prodotto nei comuni di Cirò e Cirò Marina, tale vino può definirsi Classico, mentre se vinificato negli adiacenti comuni di Melissa e Crucoli, è denominato Cirò.

 

SCHEDA TECNICA

Denominazione Cirò DOC
Varietà d’uva Gaglioppo min. 80%
Resa di Uva in Vino 70%
Vinificazione e Affinamento La tipologia “Rosso” ha un periodo di invecchiamento obbligatorio, stabilito in un tempo di 9 mesi. Tuttavia, si presta abbastanza bene ad un ulteriore invecchiamento in bottiglia, fino in genere a 6–8 anni.
Colore Rubino intenso, con buona brillantezza e riflessi granata se invecchiato.
Profumo Tipico di aromi fruttati di ciliegia, prugna e more, accompagnati da note speziate ed eteree con riconoscimenti di caffè e liquirizia nel caso di versioni affinate in legno.
Gusto Al palato è caldo, morbido, avvolgente e dal tannino presente ma non invadente.
Alcol 12,50% Vol
Acidità 4,5 g/l
Abbinamenti Vino versatile nell'abbinamento, ideale con carni rosse o selvaggina (a seconda della struttura e dell'affinamento) e primi piatti della tradizione calabrese come tipica "sardella" (crema di pesce azzurro neonato e peperoncino) nell'area del cirotano.
Temperatura ideale di Servizio 20-22 °C

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Prodotti — Sicilia 2 min

Maiorchino, il rinomato pecorino di Sicilia

Il Maiorchino di Sicilia rappresenta un’eccellenza della gastronomia italiana e durante i giorni di Carnevale a Novara di Sicilia c'è una sagra in suo onore.
Prodotti — Lazio 1 min

Cesanese del Piglio o Piglio DOCG

Cesanese del Piglio o Piglio DOCG: storia, caratteristiche, zona di produzione e scheda tecnica di questo vino prodotto nel Lazio.
Prodotti — Sicilia 2 min

Mela dell’Etna, il frutto coltivato alle pendici del vulcano

Caratteristiche, produzione e sagre dedicate alla mela dell’Etna, frutto tipico coltivato alle pendici del vulcano siciliano, che è anche Presidio Slow Food.

Regioni correlate

Esperienze simili

Storie — Calabria 10 min

Goji Italiano: tutto quello che occorre sapere sulle bacche di goji nostrane

Intervista a Rosario Previtera, agronomo e presidente della Rete di imprese LYKION per la filiera del Goji Italiano e di Nutraceutical Academy.
Storie — Calabria 4 min

Chiara Saffioti, la granitiera con la toga

Chiara Saffioti vince al Festival Internazionale della Granita, svoltosi a maggio 2018 ad Acireale con la sua nuova e gustosa creazione, la Calabrisella
Prodotti — Basilicata 2 min

Bacche di goji, il superfood cinese che ha conquistato l’Italia

Bacche di goji: proprietà e modalità di consumo di questo superfood cinese che ha conquistato l'Italia e che una rete di imprese nostrana produce fresche.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X