italian food experience loading

Castelli di Jesi Verdicchio Riserva

23 Ott — 2017   Lettura 1 min
Prodotti Marche
i vini italiani di #italianfoodexperience

i vini italiani di #italianfoodexperience

 

La denominazione Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOCG è una delle più importanti aree vitivinicole della regione Marche. Tale denominazione è riservata ai vini prodotti a partire dalle uve del vitigno Verdicchio (min.85%), mentre l’ uso della menzione Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOCG “Classico” è riservata al  vino  ottenuto dalle uve raccolte nella  zona originaria, più antica, che esclude i territori posti alla sinistra del Fiume Misa e i territori appartenenti ai comuni di  Ostra  e  Senigallia,  in provincia di  Ancona.

La vite nelle Marche fu coltivata dai Piceni, che probabilmente impararono l’arte della coltivazione dell’uva dagli Etruschi. Il Verdicchio è un vitigno di probabile origine veneta, portato dai coloni veneti che alla fine del 1400 si trasferirono nelle Marche.

Nella classifica effettuata dal Di Rovasenda (1881), il Verdicchio è dichiarato il vitigno italico più pregiato tra i vitigni a bacca bianca delle Marche.

Negli anni ’60 si affaccia sul mercato internazionale, dove diviene noto e apprezzato grazie anche alla caratteristica bottiglia.  Poste italiane, nel 2013, ha prodotto in tutta Italia il nuovo francobollo con i   Castelli di Jesi Verdicchio Riserva all’interno della serie tematica “Made in Italy – Eccellenze Enogastronomiche Italiane – il Vino DOCG ”, dedicata alle 15 D.O.C.G. nazionali.

 

LA ZONA DI PRODUZIONE

Sono  prodotti nei territori di Ancona e Macerata, precisamente in  22 comuni della provincia di  Ancona e 2 di  Macerata, detti storicamente “ Castelli” perché facenti riferimento a fortificazioni della zona di  Jesi, città natale di Federico II di Svevia (1194).

 

SCHEDA TECNICA

Denominazione Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOCG
Varietà d’uva Verdicchio min.85% (una varietà autoctona), e altri max.15%
Resa Di Uva In Vino Max 70%
Vinificazione e Affinamento Nelle fasi di vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti della zona atte a conferire ai vini le loro peculiari caratteristiche di qualità. Periodo di invecchiamento di almeno 18 mesi di cui 6 in bottiglia. Affinato in Legno, Bottiglia. La conservazione in recipienti di legno conferiscono un sapore particolare, di fatto si può rilevare un lieve sentore di legno
Colore Giallo paglierino più o meno intenso
Profumo Delicato, caratteristico
Gusto Asciutto, armonico con retrogusto gradevolmente amarognolo
Alcol 12.50% vol
Acidità 4,5 g/lt
Abbinamenti Indicato per piatti a base di pesce, tra cui: antipasti di pesce anche crudo, paste/risotti/zuppe di pesce, grigliate miste di pesce, pesce arrosto in particolare pescatrice/rombo/spigola. Ma anche funghi e tartufi, fritti di verdure e carni bianche, in particolare il coniglio.
Temperatura ideale di Servizio 8°–10° C per i vini giovani e bevuti come aperitivo; 10°-12° C per i vini più strutturati e maturati nel legno.

Denominazione Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOCG
Varietà d’uva Verdicchio min.85% (una varietà autoctona), e altri max.15%
Resa Di Uva In Vino Max 70%
Vinificazione e Affinamento Nelle fasi di vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti della zona atte a conferire ai vini le loro peculiari caratteristiche di qualità. Periodo di invecchiamento di almeno 18 mesi di cui 6 in bottiglia. Affinato in Legno, Bottiglia. La conservazione in recipienti di legno conferiscono un sapore particolare, di fatto si può rilevare un lieve sentore di legno
Colore Giallo paglierino più o meno intenso
Profumo Delicato, caratteristico
Gusto Asciutto, armonico con retrogusto gradevolmente amarognolo
Alcol 12.50% vol
Acidità 4,5 g/lt
Abbinamenti Indicato per piatti a base di pesce, tra cui: antipasti di pesce anche crudo, paste/risotti/zuppe di pesce, grigliate miste di pesce, pesce arrosto in particolare pescatrice/rombo/spigola. Ma anche funghi e tartufi, fritti di verdure e carni bianche, in particolare il coniglio.
Temperatura ideale di Servizio 8°–10° C per i vini giovani e bevuti come aperitivo; 10°-12° C per i vini più strutturati e maturati nel legno.

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Storie — Umbria 4 min

San Valentino: i baci dolci sono Perugina

Intervista alla Perugina, famosa nel mondo per i suoi Baci, simbolo di amore e affetto: scopriamo le novità che ci aspettano per San Valentino 2019.
Prodotti — Veneto 2 min

Asparago bianco di Bassano, una prelibatezza che sa di Primavera

Asparago bianco di Bassano è un prodotto DOP. Con Italian Food Experiece impariamo a conoscerlo: caratteristiche, ricette e curiosità di questo prelibato prodotto agroalimentare, che rappresenta uno dei punti forza del territorio veneto.
News 2 min

Salviamo le api per salvare il miele e l’ecosistema

L'anno 2017 rischia di essere ricordato come un anno nero per la produzione di miele. Le avversità climatiche, le coltivazioni massiccie sono alcuni dei fattori che stanno gradualmente causando il crescente spopolamento delle api nei territori di produzione.

Regioni correlate

Esperienze simili

Prodotti — Marche < 1 min

Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOCG

Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOCG: storia, caratteristiche, zona di produzione e scheda tecnica di questo vino tipico delle Marche.
Prodotti — Veneto < 1 min

Vino Italiano – Eccellenza del Gusto

Mappa dei vini italiani censiti su Italian Food Experience, regione per regione, con link alle schede di ogni vino.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X