italian food experience loading

Brunello di Montalcino DOCG

29 Ott — 2017   Lettura 1 min
Prodotti Toscana
i vini italiani di #italianfoodexperience

i vini italiani di #italianfoodexperience

Il Brunello di Montalcino DOCG è un vino di Montalcino, una piccola frazione della provincia senese che si erge sulla cima di una collina e che ha la grande fortuna di avere sul suo territorio una delle più importanti e grandi coltivazioni di uva.

Questo vino, assieme al Barolo DOCG, è il più longevo vino italiano: la sua storia, infatti, inizia nel 1800 a Montalcino, grazie a Clemente Santi che cominciò degli studi sul vitigno Sangiovese, precisamente il Sangiovese Grosso, chiamato all’epoca dai produttori del posto “Brunello”, per via della colorazione bruna degli acidi.

Nonostante l’avvento di alte tecnologie in campo agricolo, la vendemmia per la produzione del Brunello è svolta ancora manualmente ed è fondamentale che i vitigni soddisfino caratteristiche ben precise, descritte nell’apposito disciplinare di produzione.

Inoltre, la qualità, la longevità e le caratteristiche del vino possono variare, anche sensibilmente, nelle singole annate, così come anche il  prezzo può variare – anche di tanto – in base all’annata e ad altri fattori.

Essendo un vino toscano di qualità pregiata e rinomato a livello mondiale, ha un costo piuttosto alto.

Il Brunello è stato riconosciuto DOCG con DPR 01.07.1980 (GU 314 – 15.11.1980), recentemente modificato con DM 30.11.2011.

 

LA ZONA DI PRODUZIONE

Il territorio di produzione del vino Brunello di Montalcino comprende l’area del comune di Montalcino, in provincia di Siena, precisamente nella Toscana sud-orientale, a 40 chilometri a sud della città di Siena. Il territorio di produzione, che ha una superficie complessiva di 243,62 chilometri quadrati ed è delimitato dalle valli dei tre fiumi Orcia, Asso e Ombrone, assume una forma quasi quadrata, i cui lati misurano mediamente 15 chilometri.

 

SCHEDA TECNICA

Denominazione Brunello di Montalcino DOCG
Varietà d’uva Sangiovese 100%
Resa Di Uva In Vino 68%
Vinificazione e Affinamento Le operazioni di vinificazione, conservazione, affinamento in legno, affinamento in bottiglia ed imbottigliamento devono essere effettuate esclusivamente nella zona di produzione. Affinamento in botti di legno per circa 60 mesi e di almeno quattro mesi in bottiglia, tuttavia non può essere immesso al consumo prima del 1º gennaio dell'anno successivo al termine di cinque anni calcolati considerando l'annata della vendemmia.
Colore Rosso rubino, di buona intensità, Rosso granato.
Profumo Caratteristico, di buona intensità, con richiamo ad aromi di geranio, ciliegia e spezie
Gusto Di grande struttura al palato, secco, caldo, leggermente tannico, armonico
Alcol 12,00%
Acidità 5,0 g/l
Abbinamenti Il vino Brunello di Montalcino si abbina bene con piatti strutturati, come selvaggina e carni rosse, anche piatti vegetali come funghi e tartufo; perfetto in abbinamento con formaggi stagionati, soprattutto il pecorino toscano.
Temperatura ideale di Servizio 18-22°C

Denominazione Brunello di Montalcino DOCG
Varietà d’uva Sangiovese 100%
Resa Di Uva In Vino 68%
Vinificazione e Affinamento Le operazioni di vinificazione, conservazione, affinamento in legno, affinamento in bottiglia ed imbottigliamento devono essere effettuate esclusivamente nella zona di produzione. Affinamento in botti di legno per circa 60 mesi e di almeno quattro mesi in bottiglia, tuttavia non può essere immesso al consumo prima del 1º gennaio dell'anno successivo al termine di cinque anni calcolati considerando l'annata della vendemmia.
Colore Rosso rubino, di buona intensità, Rosso granato.
Profumo Caratteristico, di buona intensità, con richiamo ad aromi di geranio, ciliegia e spezie
Gusto Di grande struttura al palato, secco, caldo, leggermente tannico, armonico
Alcol 12,00%
Acidità 5,0 g/l
Abbinamenti Il vino Brunello di Montalcino si abbina bene con piatti strutturati, come selvaggina e carni rosse, anche piatti vegetali come funghi e tartufo; perfetto in abbinamento con formaggi stagionati, soprattutto il pecorino toscano.
Temperatura ideale di Servizio 18-22°C

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

News 6 min

Dolci tipici natalizi in Italia, regione per regione

Una lista di dolci tipici natalizi in Italia, regione per regione, con storia, caratteristiche e tradizioni legate a questi prodotti.
Storie — Puglia 4 min

Colli della Murgia: dalle campagne pugliesi alle tavole di tutto il mondo con vini di qualità

Intervista a Saverio Pepe, direttore commerciale di Colli della Murgia, azienda vitivinicola pugliese che propone vini di qualità con soluzioni digitali.
Storie — Calabria 10 min

Goji Italiano: tutto quello che occorre sapere sulle bacche di goji nostrane

Intervista a Rosario Previtera, agronomo e presidente della Rete di imprese LYKION per la filiera del Goji Italiano e di Nutraceutical Academy.

Regioni correlate

Esperienze simili

Prodotti — Calabria 2 min

Leucolea, l’antica e rara oliva bianca proveniente dalla Grecia

Caratteristiche principali e utilizzi passati e futuri della leucolea, la rara oliva bianca ovale e polposa ancora coltivata in Toscana, Calabria e Basilicata.
Itinerari — Toscana 3 min

La Via degli Dei sull’Appennino Tosco Emiliano

Via degli Dei: storia, caratteristiche, specialità gastronomiche di questo itinerario molto suggestivo lungo 130 fra Toscana ed Emilia-Romagna.
Prodotti — Veneto < 1 min

Vino Italiano – Eccellenza del Gusto

Mappa dei vini italiani censiti su Italian Food Experience, regione per regione, con link alle schede di ogni vino.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X