italian food experience loading

Asparago bianco di Bassano, una prelibatezza che sa di Primavera

6 apr — 2018   Lettura 3 min
Prodotti Veneto

L’asparago bianco di Bassano (Asparagus officinalis) è considerato a buon diritto il principe della primavera: la sua raccolta, infatti, avviene tra marzo e giugno. È un ortaggio fresco e gustoso che viene prodotto nell’area di Bassano del Grappa e in altri 11 comuni in provincia di Vicenza. Tale territorio risulta essere particolarmente adatto alla coltivazione di questo ortaggio bianco perlato: è caratterizzato, infatti, da un terreno sabbioso, morbido, che non fa ristagnare l’acqua e che contiene poche sostanze calcaree; il clima, inoltre, è particolarmente mite e ventilato.

 

Asparago bianco

 

Principali caratteristiche dell’asparago bianco di Bassano

L’asparago bianco di Bassano è lungo circa 20 cm, ha un diametro considerevole, l’apice è ben chiuso e si contraddistingue per il sapore dolce-amaro e per la consistenza tenera: queste peculiarità gli hanno fatto ottenere, nel 2007, il marchio di qualità DOP (Denominazione di Origine Protetta).

Gli asparagi vengono solitamente venduti in mazzi avvolti dai succhioni di salice, sui quali è applicata l’etichetta tricolore recante la data del raccolto e quella del confezionamento dell’ortaggio.

 



 

Alcune famose ricette a base di asparago bianco

La parte commestibile dell’asparago bianco è il turrione, ovvero il germoglio che andrà a formare il fusto. È un cibo che deve essere consumato nel giro di pochi giorni. Va conservato in frigo e non deve essere esposto per un periodo di tempo lungo alla luce o all’aria.

L’asparago bianco di Bassano solitamente viene consumato da solo: dopo averlo bollito o in alternativa averlo cotto al vapore, lo si condisce con olio sale e pepe.  Tuttavia, esistono altre gustose preparazioni culinarie che vedono protagonista questo ortaggio: si pensi, ad esempio, al risotto con gli asparagi, al carpaccio di formaggio e asparagi, agli involtini di asparagi gratinati al parmigiano, al filetto di manzo alla griglia con contorno di asparagi o agli asparagi con uova alla bassanese.

 

 

Con quale vino accompagnare l’asparago bianco di Bassano?

Gli esperti consigliano un vino locale, il Vespaiolo di Breganze, un bianco fresco, amabile e caratterizzato da una buona struttura che lo rende particolarmente piacevole alla degustazione.

 

La leggenda di Sant’Antonio

Nell’area del vicentino, l’asparago viene coltivato da secoli. Secondo la leggenda, fu Sant’Antonio da Padova a portarlo a Bassano nel tredicesimo secolo, dove si era recato per tentare una mediazione con il tiranno bellicoso Ezzelino da Romano. D’altra parte, questo ortaggio sembra legato a doppio filo al Santo di Padova, in quanto la stagione del raccolto finisce tradizionalmente il 13 giugno, giorno in cui ricorre la sua morte.

Una vera e propria coltivazione dell’asparago comincia a prendere piede all’epoca della Repubblica Veneta, come viene testimoniato da una serie di documenti scritti risalenti a quel periodo storico: apprezzatissimi sin dall’epoca, gli asparagi bianchi erano spesso il piatto più pregiato durante i rinfreschi che si tenevano nelle dimore nobiliari. Ulteriori documenti, poi, dimostrano che l’asparago bianco di Bassano fu lodato anche dai Padri Conciliari i quali, di ritorno dal Concilio di Trento, fecero tappa a Bassano.

 

La mostra-evento dell’asparago bianco di Bassano

La raccolta dell’asparago bianco di Bassano si svolge generalmente nel mese di aprile e, poco dopo, ogni anno si tiene un evento organizzato dall’omonimo Consorzio di tutela per celebrare e promuovere questa prelibatezza. Durante la mostra vengono premiati i migliori asparagi della stagione.

Non mancano rassegne enogastronomiche e fiere dedicate all’asparago bianco e organizzate da aziende produttrici e asparagi. Tutti i ristoratori del bassanese, in queste occasioni, propongono deliziose declinazioni degli asparagi bianchi.

Asparago di Bassano, valori nutrizionali

Valori Nutrizionali medi per 100g
Energia 24 Kcal
Grassi 0.2 g
Carboidrati 2.5 g
Fibre 1.20 g
Proteine 3 g
Potassio 250 mg
Ferro 1.2 mg
Fosforo 60 mg
Calcio 25 mg
Vit. A 13 mg
Vit. B1 0.27 mg
Vit. B2 0.25 mg
Vit. PP 0.9 mg
Vit. C 24 mg

Categorie correlate

Esperienze simili

Prodotti — Umbria 3 min

Tanto piccola quanto unica: la lenticchia di Castelluccio

La Lenticchia di Castelluccio è un prodotto IGP coltivato in Umbria, nella Piana di Castelluccio di Norcia. Italian Food Experience vi racconta la storia, le proprietà e tante altre caratteristiche.
Prodotti 5 min

Zafferano, la preziosa spezia dalle mille proprietà benefiche

Proprietà, ciclo biologico, coltivazione in Italia e utilizzo in cucina dello zafferano, una delle spezie più preziose per via delle sue caratteristiche naturali e di preparazione.
Prodotti — Basilicata 3 min

Un progetto per il ripristino del Suino Nero Lucano in Basilicata

In Basilicata è in atto un progetto per il ripristino del suino nero lucano, razza suina locale dalla quale vengono prodotte carni per consumo fresco e salumi locali vari.

Regioni correlate

Esperienze simili

News — Veneto 3 min

Vinitaly 2018 al via: cosa ci aspetta

Vinitaly 2018: cosa ci aspetta dalla 52esima edizione del più importante salone internazionale per il vino e i distillati, in programma a Verona dal 15 al 18 aprile 2018.
Prodotti — Veneto 3 min

Mai Dire Mai, un progetto per la produzione di vino della Valpolicella

L'Amarone della Valpolicella e il Valpolicella Superiore è un progetto vinicolo che si chiama Mai Dire Mai ed è per nato dall'unione di due famiglie, la cantina Pasqua e l'azienda dolciaria Dal Colle.
Prodotti — Veneto 3 min

Radicchio di Treviso: caratteristiche, benefici e tipologie

Radicchio di Treviso: caratteristiche, benefici e tipologie di questa varietà di cicoria che rappresenta uno dei prodotti ortofrutticoli più rinomati del Veneto.

Da non perdere

Novel Food: tutto quello che avreste voluto sapere ma non avete mai osato chiedere

Curiosità e normative sui prodotti Novel Food, tutti quegli alimenti che hanno origine a partire da nuovi ingredienti, mediante l’uso di biotecnologie o processi tecnologici moderni che ne riescono a trasformare la struttura genetica.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.