italian food experience loading

Aglianico del Vulture Superiore DOCG

25 ott — 2017   Lettura 1 min
Prodotti Basilicata
i vini italiani di #italianfoodexperience

i vini italiani di #italianfoodexperience

L’Aglianico del Vulture è un grande vino rosso lucano con origini molto antiche: si pensa, infatti, che sia stato introdotto dai Greci nel sud Italia tra il VII e il VI secolo a.C. Tale tesi è rafforzata dai ritrovamenti archeologici che testimoniano quanto antica sia la viticoltura in Basilicata, tra cui i resti di un torchio dell’età romana ritrovati nella zona di Rionero in Vulture.

La denominazione di origine controllata e garantita Aglianico del Vulture Superiore è riconosciuta con D.P.R. del 18 febbraio 1971 ed è riservata ai vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti stabiliti nel disciplinare di produzione. Tali vini devono essere prodotti a partire da uve del vitigno Aglianico e Aglianico del Vulture al 100%. Proprio il Vulture è una delle più importanti aree vitivinicole della regione Basilicata.

 

Zona di produzione

L’uva da cui si produce l’Aglianico del Vulture Superiore DOCG viene coltivata in un territorio di alta e media collina, situato sulle pendici del Monte Vulture, antico vulcano ora spento, che comprende diversi comuni dell’area:  Rionero in Vulture, Barile, Rapolla, Ripacandida, Ginestra, Maschito, Forenza, Acerenza, Melfi, Atella, Venosa, Lavello, Palazzo San Gervasio, Banzi, Genzano di Lucania.

Per quanto riguarda i vigneti idonei alla coltivazione, sono ritenuti tali unicamente quelli che si trovano su terreni collinari di origine vulcanica o comunque di buona costituzione, situati tra i 200 e i 700 metri s.l.m.

 

SCHEDA TECNICA

Denominazione Aglianico del Vulture Superiore DOCG
Varietà d’uva Aglianico del Vulture e/o Aglianico 100%
Resa di Uva in Vino Max 65%, pari a 52 hl per ettaro
Vinificazione e Affinamento L’Aglianico del Vulture Superiore DOCG deve essere sottoposto ad un periodo di maturazione di almeno tre anni di cui minimo 12 mesi in contenitori di legno e 12 mesi in bottiglia.
Colore Rosso rubino intenso tendente al granato
Profumo Tipico, fruttato (bacche e drupe), gradevole ed intenso
Gusto Secco, giustamente tannico, sapido, persistente, equilibrato; con l’invecchiamento, in relazione alla conservazione in recipienti di legno, il sapore dei vini può rilevare lieve sentore di legno.
Alcol 13,50% Vol
Acidità 4,50 g/l
Abbinamenti È uno dei migliori vini da accompagnamento per gli arrosti di carni bianche e rosse, pollame, pollame nobile e selvaggina, anche in preparazioni elaborate e con formaggi locali.
Temperatura ideale di Servizio 18 °C

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Prodotti — Veneto 2 min

Moeche, i gustosi gioielli della laguna di Venezia

Le moeche sono granchi verdi che vengono pescati in un particolare periodo della loro vita. Scopriamo con Italian Food Experience questa prelibatezza tipica della laguna veneziana.
Prodotti — Calabria 3 min

Cipolla di Tropea, l’oro rosso della Calabria

Tutto sulla cipolla di Tropea: caratteristiche, benefici e sagre dedicate a questo gustoso ortaggio tipico calabrese famoso nel mondo per il suo sapore.
Prodotti — Valle d'Aosta 2 min

Genepì, il liquore d’erbe valdostano che sa di montagna

Descrizione e caratteristiche del Genepì, il liquore d’erbe valdostano ricavato dall’omonima pianta e molto apprezzato per il suo sapore e le sue proprietà.

Regioni correlate

Esperienze simili

Prodotti — Calabria 2 min

Leucolea, l’antica e rara oliva bianca proveniente dalla Grecia

Caratteristiche principali e utilizzi passati e futuri della leucolea, la rara oliva bianca ovale e polposa ancora coltivata in Toscana, Calabria e Basilicata.
Storie — Basilicata 7 min

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X