italian food experience loading

Aglianico del Vulture Superiore DOCG

25 ott — 2017   Lettura 1 min
Prodotti Basilicata
i vini italiani di #italianfoodexperience

i vini italiani di #italianfoodexperience

L’Aglianico del Vulture è un grande vino rosso lucano con origini molto antiche: si pensa, infatti, che sia stato introdotto dai Greci nel sud Italia tra il VII e il VI secolo a.C. Tale tesi è rafforzata dai ritrovamenti archeologici che testimoniano quanto antica sia la viticoltura in Basilicata, tra cui i resti di un torchio dell’età romana ritrovati nella zona di Rionero in Vulture.

La denominazione di origine controllata e garantita Aglianico del Vulture Superiore è riconosciuta con D.P.R. del 18 febbraio 1971 ed è riservata ai vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti stabiliti nel disciplinare di produzione. Tali vini devono essere prodotti a partire da uve del vitigno Aglianico e Aglianico del Vulture al 100%. Proprio il Vulture è una delle più importanti aree vitivinicole della regione Basilicata.

 

Zona di produzione

L’uva da cui si produce l’Aglianico del Vulture Superiore DOCG viene coltivata in un territorio di alta e media collina, situato sulle pendici del Monte Vulture, antico vulcano ora spento, che comprende diversi comuni dell’area:  Rionero in Vulture, Barile, Rapolla, Ripacandida, Ginestra, Maschito, Forenza, Acerenza, Melfi, Atella, Venosa, Lavello, Palazzo San Gervasio, Banzi, Genzano di Lucania.

Per quanto riguarda i vigneti idonei alla coltivazione, sono ritenuti tali unicamente quelli che si trovano su terreni collinari di origine vulcanica o comunque di buona costituzione, situati tra i 200 e i 700 metri s.l.m.

 

SCHEDA TECNICA

Denominazione Aglianico del Vulture Superiore DOCG
Varietà d’uva Aglianico del Vulture e/o Aglianico 100%
Resa di Uva in Vino Max 65%, pari a 52 hl per ettaro
Vinificazione e Affinamento L’Aglianico del Vulture Superiore DOCG deve essere sottoposto ad un periodo di maturazione di almeno tre anni di cui minimo 12 mesi in contenitori di legno e 12 mesi in bottiglia.
Colore Rosso rubino intenso tendente al granato
Profumo Tipico, fruttato (bacche e drupe), gradevole ed intenso
Gusto Secco, giustamente tannico, sapido, persistente, equilibrato; con l’invecchiamento, in relazione alla conservazione in recipienti di legno, il sapore dei vini può rilevare lieve sentore di legno.
Alcol 13,50% Vol
Acidità 4,50 g/l
Abbinamenti È uno dei migliori vini da accompagnamento per gli arrosti di carni bianche e rosse, pollame, pollame nobile e selvaggina, anche in preparazioni elaborate e con formaggi locali.
Temperatura ideale di Servizio 18 °C

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Prodotti — Lazio 1 min

Cesanese del Piglio o Piglio DOCG

Cesanese del Piglio o Piglio DOCG: storia, caratteristiche, zona di produzione e scheda tecnica di questo vino prodotto nel Lazio.
Prodotti 4 min

Zafferano, la preziosa spezia dalle mille proprietà benefiche

Proprietà, ciclo biologico, coltivazione in Italia e utilizzo in cucina dello zafferano, una delle spezie più preziose per via delle sue caratteristiche naturali e di preparazione.
Prodotti — Marche 1 min

Castelli di Jesi Verdicchio Riserva

Castelli di Jesi Verdicchio Riserva: storia, caratteristiche, zona di produzione e scheda tecnica di questo vino bianco delle Marche.

Regioni correlate

Esperienze simili

Prodotti — Basilicata 2 min

Bacche di goji, il superfood cinese che ha conquistato l’Italia

Bacche di goji: proprietà e modalità di consumo di questo superfood cinese che ha conquistato l'Italia e che una rete di imprese nostrana produce fresche.
Storie — Basilicata 5 min

Dimitra, nel cuore della Lucania l’innovazione nel settore ortofrutticolo

Intervista a Egidio Lardo, amministratore della Soc. Ag. Dimitra, dedito alla coltivazione di kiwi a polpa gialla, albicocca e fagiolo IGP di Sircone.
Storie — Basilicata 6 min

Mai più false recensioni con TBoxChain

Intervista al team di TBoxChain, start-up lucana che ha ideato un sistema di certificazione delle recensioni online strutturato su tecnologia blockchain.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X