italian food experience loading

Vinitaly 2018 al via: cosa ci aspetta

12 apr — 2018   Lettura 3 min
News Veneto

Per il terzo anno consecutivo, l’Italia si aggiudica il primo posto come produttore mondiale di vino: è questa la beneaugurante premessa che precede Vinitaly 2018, edizione che si preannuncia fitta di eventi, degustazioni e convegni.

Dal 15 al 18 aprile, infatti, VeronaFiere accoglierà più di 4.000 espositori provenienti non solo dall’Italia, ma anche dall’estero. Ci sarà, ad esempio, uno stand dedicato ai produttori del vino più antico del mondo e a quelli georgiani, che non hanno mai abbandonato le tecniche di produzione di un tempo, chi coltiva i vigneti con i propri cavalli e chi diffonde le armonie di Mozart nei vitigni per migliorare la produzione.

Ci sarà anche la cantina Ferro13, che abbiamo intervistato di recente e che troveremo al Padiglione 5 A7 del Vinitaly.

Durante il corso della manifestazione sono previste diverse aree-evento dove sommelier, giornalisti e produttori presenteranno al grande pubblico le loro migliori produzioni.

 

VeronaFiere

 

Vinitaly 2018: cosa ci aspetta

Giunto alla sua 52esima edizione, nel 2018 Vinitaly promette numeri da capogiro:

  • 74 vini DOCG
  • 332 DOC
  • 118 IGT
  • più di 300.000 aziende vinicole che producono circa 40 milioni di ettolitri di vino l’anno

Anche quest’anno Veronafiere ci regalerà 4 giorni di business e comunicazione per il settore del vitivinicolo, il cui attore indiscusso è il vino, assieme a tutti gli operatori del settore e alla bellezza del nostro Paese tra territorio, tradizione e cultura.

Per l’evento sono stati allestiti numerosi padiglioni dedicati alla promozione e valorizzazione del vino, quali:

  • Vinitaly International
  • OperaWine
  • Vinitaly Wine Club
  • Vinitaly International Academy
  • Wine2Wine

Tra le novità in calendario ci sono:

  • i padiglioni “alternativi”
  • Vinitalybio
  • ViViT
  • Fivi, il catalogo online Vinitalydirectory

e tanto altro.


 

Numeri registrati lo scorso anno

Il bilancio dell’edizione dello scorso anno – edizione numero 51- ha chiuso con risultati positivi. Vinitaly 2017 ha registrato 128mila visitatori, provenienti da 142 nazioni. In crescita l’internazionalità del salone che quest’anno ha visto aumentare i top buyer stranieri accreditati che hanno toccato quota 30.200 (+8% sul 2016), sul totale dei 48mila visitatori stranieri: Stati Uniti (+6%), Germania (+3%), Regno Unito (+4%), Cina (+12%), Francia e Canada (stabili), Russia (+42%), Giappone (+2%), Paesi del Nord Europa (+2%), Olanda e Belgio (+6%). In aumento anche la presenza dei produttori del Brasile (+29%), senza dimenticare il debutto assoluto a Vinitaly di Panama e Senegal. Per quanto riguarda invece l’Italia, assistiamo a un consolidamento degli arrivi da tutte le regioni del Paese.

I risultati 2017 premiano anche la spinta verso una sempre più netta separazione tra il momento riservato al business in fiera e il fuori salone pensato per i wine lover in città.

 

Vinitaly 2018

 

Vinitaly and the City

Contemporaneamente alla manifestazione, la città di Verona ha realizzato il suo personalissimo evento speciale chiamato Vinitaly and the City, che ha portato molti visitatori in giro tra le piazze, i cortili, le strade e le bellezze architettoniche della città che per tale evento si sono animate di degustazioni, incontri, concerti, visite guidate e tantissime altre iniziative, tutte legate al mondo del vino.

Quest’anno, l’evento in città apre i battenti due giorni prima rispetto alla manifestazione principale e precisamente dal 10 al 13 aprile, con un itinerario che si articola tra 200 vini, specialità gastronomiche tradizionali e sedi turistiche importanti di Verona e di tutta la regione.

 

Pronti per Vinitaly 2018

Vinitaly si conferma il più importante salone internazionale per il vino e i distillati ma anche un momento di riflessione per il settore vitivinicolo nazionale ed europeo.

Più si avvicina il via all’evento, più l’attesa tra addetti ai lavori e semplici visitatori cresce a dismisura, per quella che è la rassegna più importante all’anno per quanto riguarda questo specifico settore.

Categorie correlate

Esperienze simili

News 3 min

Cibus 2018: tante novità nel salone internazionale dell’alimentazione

Cibus 2018: le novità della 19esima edizione del più importante salone dedicato al settore agroalimentare in Italia, in programma a Parma dal 7 al 10 maggio 2018.
News 3 min

Tutti a Mantova per il Food & Science Festival 2018

Novità ed eventi del Food & Science Festival 2018, in programma a Mantova dal 18 al 20 maggio. Un evento internazionale per conoscere e approfondire le tematiche legate alla scienza della produzione e del consumo del cibo.
News 1 min

Mammamiaaa! La cena social che parte da Matera

Mammamiaaa è un progetto del programma culturale di Matera 2019, Capitale Europea della Cultura. Fa parte del tema “Radici e percorsi” e il suo obiettivo è, come in Italian Food Experience, quello di parlare di Cibo come Cultura.

Regioni correlate

Esperienze simili

Storie — Veneto 4 min

La cantina Ferro13 con uno dei suoi fondatori, Gabriele Stringa

Intervista a Gabriele Stringa, uno dei fondatori della cantina Ferro13 di Verona, con cui palriamo di un'eccellenza italiana tra le più amate al mondo: il vino.
Prodotti — Veneto 3 min

Mai Dire Mai, un progetto per la produzione di vino della Valpolicella

L'Amarone della Valpolicella e il Valpolicella Superiore è un progetto vinicolo che si chiama Mai Dire Mai ed è per nato dall'unione di due famiglie, la cantina Pasqua e l'azienda dolciaria Dal Colle.
Prodotti — Veneto 3 min

Asparago bianco di Bassano, una prelibatezza che sa di Primavera

Asparago bianco di Bassano è un prodotto DOP. Con Italian Food Experiece impariamo a conoscerlo: caratteristiche, ricette e curiosità di questo prelibato prodotto agroalimentare, che rappresenta uno dei punti forza del territorio veneto.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.