italian food experience loading

Partecipa a Mammamiaaa

Vuoi raccontare la tua storia a Italian Food Experience?

Cos’è Mammamiaaa?

Mammamiaaa celebra il cibo e le relazioni con cui le comunità consumano, producono, preservano il cibo nella loro vita quotidiana.

Racconta di connessioni con i territori e crea un ponte tra le generazioni.

Nel 2018 e nel 2019 migliaia di cene saranno realizzate in tutta Europa in uno spirito di autentica convivialità. Ad ogni cena, i partecipanti condivideranno storie di cibo e di famiglia. Le storie saranno raccolte in un archivio digitale e raccontate sui canali social del progetto.

Come memoria analogica del progetto, nella primavera 2019 sarà realizzata una grande installazione nel paesaggio lucano. Per celebrare la community nazionale e internazionale di Mammamiaaa infine, sempre nel 2019, verrà organizzata una grande cena collettiva.

Come eredità di Matera 2019 sarà creato l’Atlas of Social Food curato da John Thackara e composto da tre parti: un atlante di progetti sociali legati al cibo, con l’obiettivo di renderli visibili e reperibili; un forum in Basilicata di social food curator europei per condividere buone pratiche; la pubblicazione di un Social Food Green Paper.

Mammamiaaa è un progetto di Matera 2019, Capitale Europea della Cultura e fa parte del tema "Radici e Percorsi".

 

Come partecipare?

Entrare a far parte della community di Mammamiaaa è molto semplice e lo può fare chiunque. Si parte da una ricetta di famiglia, una storia legata ad essa e la voglia di condividere questo sapere grazie ad una cena a casa propria o nella propria cuina / laboratorio.

Una cena tra amici e familiari o collaboratori. Chi organizza la cena sceglie la ricetta, stabilisce il numero di invitati, l’orario e il luogo. È importante raccontare tutto con fotografie e video che verranno poi condivisi sui social: in questo modo si entra a far parte del grande archivio digitale di Mammamiaaa.

 

Le 5 regole della cena Mammamiaaa

Cosa è importante sapere per organizzare una cena?

  • Leggere le 5 regole.
  • Diventare social media addicted per una sera: ogni partecipante è (caldamente!) invitato a pubblicare sui propri social almeno una foto e/o una Instagram story della serata. I profili da taggare sono @mammamiaaa.it e @matera2019. Gli hashtag ufficiali: #mammamiaaa e #matera2019.
  • La cena è gratuita, Il Cuoco si occupa della preparazione del piatto principale.
  • Non esiste un numero minimo o massimo di invitati, ma è importante che in ogni cena ci siano:
    • L’Organizzatore, chi si occupa di organizzare la cena a casa propria o nella propria cucina / laboratorio, decide il numero di invitati e invita le persone conosciute.
    • Il Cuoco, chi sceglie il piatto di famiglia, lo prepara e lo racconta. Il Cuoco è la superstar, entrerà a far parte dell’archivio digitale di Mammamiaaa. Il Cuoco può essere
anche l’Organizzatore.
    • Lo Storyteller, chi si occupa di documentare la cena sui social e predisporre il materiale da inviare a Mammamiaaa. Tutto è permesso: foto, video, Instagram story, etc. L’Organizzatore dovrà inviare alla persona scelta per questo ruolo, la guida “Lo Storyteller di Mammamiaaa”.
    • Il +1, L'Organizzatore della cena chiede a uno degli invitati di portare una persona in più, sconosciuta al gruppo. L’obiettivo è quello di estendere l’esperienza e il racconto di Mammamiaaa a nuove persone.
  • Divertirsi è d'obbligo!

 

“Lo Storyteller di Mammamiaaa”

Lo Storyteller ha il compito di raccontare la cena sui social attraverso foto, video e Instagram story. I profili da taggare sono @mammamiaaa.it e @matera2019. Gli hashtag ufficiali sono: #mammamiaaa e #matera2019.

Allo Storyteller è richiesto anche di registrare (con lo smartphone) 3 video di massimo 20 secondi ciascuno. Ogni video corrisponde ad una domanda da fare al Cuoco:

  • Che cibo produci / coltivi che ti ricorda la mamma?
  • Come lo cucinava lei?
  • Hai un ricordo / aneddoto legato ad esso?

I 3 video devono essere in formato verticale.
Di seguito la disposizione ottimale per l’inquadratura video:

 

inquadratura mammamiaaa

Gli altri materiali da raccogliere e da inviare a info@mammamiaaa.it il giorno dopo insieme ai 3 video sono:

  • foto del piatto principale appena preparato
  • foto-ritratto del Cuoco in cucina su sfondo bianco (o comunque chiaro)
  • foto di tutti gli invitati seduti a tavola

Se vuoi conservare o stampare il form, scaricalo qui.

Invia i tuoi dati o quelli della persona che vuoi presentarci o di cui hai sentito parlare (con il passaparola, mail, social o altri mezzi più tradizionali) compilando il seguente form:




Compilando questo form, acconsenti al salvataggio e alla gestione dei tuoi dati da parte di questo sito secondo le condizioni espresse nella privacy policy

Storie — Basilicata • 13 nov 2018 — Lettura 5 min

Dimitra, nel cuore della Lucania l’innovazione nel settore ortofrutticolo

Intervista a Egidio Lardo, amministratore della Soc. Ag. Dimitra, dedito alla coltivazione di kiwi a polpa gialla, albicocca e fagiolo IGP di Sircone.
Storie • 7 nov 2018 — Lettura 4 min

Conosciamo Sonia Peronaci, la food blogger più amata dagli italiani

Intervista a Sonia Peronaci, la prima food blogger italiana di successo, founder di Giallozafferano: la sua vita, il suo percorso e i suoi progetti.
Storie — Basilicata • 25 ott 2018 — Lettura 4 min

Cruskees, le chips di peperoni cruschi

Intervista a Vincenzo Esposito Langella, founder di NovaFood e ideatore dei Cruskees, le chips che riscrivono il consume dei peperoni cruschi.
Storie — Lombardia • 8 ott 2018 — Lettura 6 min

Marta Poli, competenze e passione nel nome del vino

Intervista a Marta Poli, Export Sales Manager di Franciacorta, con la quale abbiamo parlato di vino, settore vitivinicolo in Italia e all’estero, made in Italy.
Storie • 8 ott 2018 — Lettura 5 min

Topipittori: cibarsi di arte sin dalla tenera età

Intervista a Giovanna Zoboli, una delle founder di Topipittori, casa editrice milanese specializzata in libri illustrati per bambini.
Storie — Basilicata • 5 ott 2018 — Lettura 8 min

Kapunto, da Matera alla conquista del mondo con la pasta fresca

Intervista a Tommaso Perrucci di Kapunto, ristorante e pastificio di Matera dove la pasta fresca fatta in casa incontra il gusto della tradizione locale.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X