italian food experience loading

Costa smeralda, il fascino indiscreto della Sardegna orientale

22 ago — 2018   Lettura 4 min
Itinerari Sardegna

La Costa Smeralda è un’area geografica in cui mare, sole e colori si fondono armonicamente divenendo per il turista un’attrazione irresistibile. Siamo sul litorale nord-orientale della Sardegna, nella zona compresa fra il golfo di Arzachena e il golfo di Cugnana. Si tratta di una delle zone più rinomate dell’intera penisola, particolarmente apprezzata per il mare cristallino dalle tonalità cangianti, per le baie incantevoli, per le rocce granitiche e per la scoppiettante vita notturna.
 

Costa Smeralda, spiaggia di Capriccioli. Credits: gabriele_maltinti. License: CC BY-NC_www.sardegnaturismo.it

 

Luoghi da visitare in Costa Smeralda

Le spiagge di questo tratto di costa si fanno tutte ricordare per la bellezza mozzafiato: dalla spiaggia di Canniggione a Capriccioli, da Liscia Ruja a Piccolo Pevero, da Cala Granu alla spiaggia del Principe, ecc.

In questo lembo di costa sarda, si trovano due dei luoghi più caratteristici e rinomati dell’intera isola: Porto Cervo e Porto Rotondo.
 

Spiaggia di Capriccioli – Costa Smeralda . Credits: G. Maltinti. www.sardegnaturismo.it


 

Spiaggia di Capriccioli – Costa Smeralda. Credits: Turismo Arzachena – www.arzachenaturismo.com

 

Porto Cervo: la perla della Costa Smeralda

Porto Cervo (Poltu Celvu in dialetto) può essere considerato a buon diritto la “capitale” della Costa Smeralda. Frazione del centro gallurese di Arzachena, nella provincia di Sassari, questa rinomata località deve il suo nome al fatto che il proprio porto naturale ricorda le ramificazioni delle corna di un cervo. Porto Cervo è un dedalo di deliziose viuzze costellate da finestre, piccoli terrazzi e negozi anche di prestigiosi brand. Attorno al centro del paese poi sorgono mega-ville lussuose immerse in una lussureggiante natura.
 

Porto Cervo.Credits: crazy82. www.sardegnaturismo.it


 

Porto Rotondo

Dopo Porto Cervo, Porto Rotondo è la cittadina più frequentata della regione gallurese; esso risulta compreso tra il Golfo di Cugnana e quello di Marinella e rappresenta una meta obbligata per gli amanti della vita mondana di un certo livello. Le spiagge di questa località sono tutte molto belle e variegate: ai tradizionali arenili con sabbia bianca e soffice, infatti, si alternano baie rocciose molto suggestive.
 

Porto Rotondo, spiaggia i Sassi. Credits: ASpexi. License: CC BY-NC-www.sardegnaturismo.it


 

Cosa mangiare in Costa Smeralda

La gastronomia tradizionale della Costa Smeralda è una cucina povera ma molto saporita. Tra le preparazioni più caratteristiche segnaliamo la zuppa cuata o zuppa gallurese, li pulilgioni, ovvero ravioli dolci della Gallura al sugo di pomodoro e ricotta, li fiuritti ovvero delle fettuccine di semola fatte a mano e li chiusoni, ovvero dei piccoli gnocchi. Tra i secondi piatti poi vanno forti le arrostite di pesce, di carne di agnello e di capretto, sempre da condire con erbe aromatiche del luogo.
 

Zuppa gallurese o zuppa cuata. www.gallurago.com


 
Meritano di essere assaggiati anche i tipici dessert della Costa Smeralda: si pensi ai Papassini o pabassinos, che sono dei deliziosi biscotti con uvetta oppure a li Casgiatini, ovvero dei piccoli tortini ripieni di ricotta e formaggio. Il tutto, ovviamente, deve essere accompagnato da un buon calice di vino locale, come il moscato dolce o il celebre Vermentino.
 

La costa del Nuorese, un’interessante scoperta

Chi si trova sulla Costa Smeralda e vuole scoprire altri luoghi e territori sardi può fare un salto un po’ più a sud, dove troviamo la costa del Nuorese: negli ultimi tempi, infatti, anche la provincia di Nuoro, in particolare la sua costa, è divenuta una meta molto ambita dai turisti.

La parte costiera del nuorese si caratterizza per la presenza di ampie spiagge molto belle: si pensi, ad esempio, a Dorgali a Orosei e Siniscola. Si tratta di distese di sabbia selvagge e spesso ventose: la soluzione ideale per gli appassionati di discipline sportive come il kite e il windsurf.

Tra la costa e i rilievi montuosi del nuorese poi, si fa largo la macchia mediterranea e le formazioni boschive, alcune delle quali sono sede di suggestivi siti archeologici (si pensi alle domus de janas).
 

Tombe di Giganti – Dorgali. Credits: stefano_ember – www.sardegnaturismo.it


 
Per quanto riguarda i prodotti tipici da provare durante un soggiorno sulla costa del Nuorese, segnaliamo la cosiddetta sa pompia, un agrume tipico del luogo che nasce dall’innesto tra un’arancia e un pompelmo, ottimo da mangiare bollito e caramellato con il miele.

Categorie correlate

Esperienze simili

Itinerari 4 min

I 5 ristoranti più strani in Italia, da Nord a Sud

Scopriamo i 5 ristoranti più strani in Italia, in un viaggio dell’esperienza che va da Nord a Sud, per conoscere attività imprenditoriali uniche e creative nel settore enogastronomico.
Itinerari — Lombardia 3 min

ATMosfera: visitare Milano con gusto

ATMosfera Milano è il progetto ideato dalla società dei trasporti del capoluogo lombardo che offre nuova formula per visitare Milano attraverso aperitivi e cene nei tram. Come nasce, percorsi e design dei mezzi.
Itinerari — Sicilia 3 min

Mazara del Vallo, il balcone del Mediterraneo

Conosciamo Mazara del Vallo, i luoghi, le attività più caratteristiche e i prodotti tipici di questo comune siciliano, tra cui il famoso gambero rosso.

Regioni correlate

Esperienze simili

Prodotti — Sardegna 2 min

Pompia, l’agrume sardo perfetto per dolci e liquori

Caratteristiche, origini e modalità di impiego in cucina della pompia, raro agrume della Sardegna coltivato nei territori di Siniscola, Posada, Torpè e Orosei.
Prodotti — Sardegna 3 min

Carciofo Spinoso di Sardegna, ortaggio dal cuore tenero

Storia, caratteristiche e proprietà del Carciofo Spinoso di Sardegna, prodotto DOP ed eccellenza enogastronomica italiana che trova tanti impieghi in cucina.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X