italian food experience loading

I 5 ristoranti più strani in Italia, da Nord a Sud

9 mag — 2018   Lettura 3 min
Itinerari

L’Italia vanta un patrimonio culturale, paesaggistico ed enogastronomico enorme. Visitare il nostro paese significa anche poter degustare tutte le delizie tipiche di ogni località: bere e mangiare bene è un’esperienza sensoriale, da vivere in un’atmosfera unica.

Per aiutarvi a vivere momenti davvero unici legati al cibo, vi presentiamo i 5 ristoranti più strani in Italia: 5 luoghi che si distinguono dall’idea classica di ristorante poiché ognuno di questi presenta particolarità uniche.

Pronti per partire? Andiamo!

 

Solo per Due di Vacone

Solo per Due di Vacone

 

Solo per Due – Vacone (RI)

È il ristornate più piccolo al mondo e si trova a Vacone, in provincia di Rieti, nell’abitazione di campagna del poeta latino Orazio, come riporta Carlo Bartolomeo Piazza nell’opera “Gerarchia Cardinalizia” del 1703.
Vacone è un paesino di 267 abitanti ed è anche una miniera di prodotti gastronomici quali l’olio extravergine d’oliva, il formaggio di pecora, diverse specie di funghi, le more, i corbezzoli e molte specialità della cucina tradizionale come paste, pane e dolci.
In un’atmosfera antica, in un giardino di magnifiche specie di palme provenienti da tutto il mondo, Solo per Due è un boutique restaurant fatto da pavimentazioni a mosaico, candelabri e persino un campanellino d’argento per chiamare il cameriere, quando necessario.
Il ristorante si chiama Solo per Due poiché i coperti sono solo per due persone.
La prenotazione è obbligatoria e all’ingresso non ci sono code, file e nemmeno turni. L’attenzione ai clienti e al servizio è esclusivo così come il menù, basato su una scelta di ingredienti di stagione e a seconda del gusto dei commensali.

Sito web: Soloperdue.it

 

 

InGalera – Bollate (MI)

È l’unico ristorante in Italia realizzato in un carcere. Aperto al pubblico sia a mezzogiorno che alla sera, vi lavorano i detenuti del carcere di Bollate che, seguiti da uno chef e un maître professionisti, imparano – o hanno già imparato – la lavorazione dei cibi e sanno stupire i clienti con ricette esclusive e ben fatte.
Per entrare non servono permessi: è solo consigliato prenotare, perché l’affluenza è quasi sempre da tutto esaurito.

Sito web: InGalera.it

 

 

In Fabbrica – Firenze

È il primo ristorante in cui si può cenare in una vera fabbrica d’argento.
In realtà è la mensa dei lavoratori dell’argenteria Pampaloni, che risale al 1902. Uno spazio che di giorno è ancora il luogo di raccolta dei lavoratori di Pampaloni e la sera si trasforma in tempio del gourmet.
Alle 17 gli operai staccano dal lavoro e se ne vanno. Poi, al livello superiore dell’edificio e cioè nella mensa, avviene l’incredibile, ovvero si cena. La location è suggestiva: tavoli in legno, piastrelle celesti in stile vintage e un’immensa luminaria a forma di Falce e Martello.
In cucina c’è uno chef giapponese che arriva direttamente dal Four Seasons di Tokyo e, infatti, i suoi piatti sono molto “fusion”.
La cosa sbalorditiva? Si mangia con posate d’argento, su sottopiatti d’argento, con enormi candelabri d’argento, ecc.

Sito web: Pampaloni.com

 

 

Grotta Palazzese – Polignano a Mare (BA)

Il ristorante prende il nome dall’omonima grotta e dal luogo che un tempo era denominato anche Grotta di Palazzo. È un luogo esclusivo e ricco d’atmosfera grazie anche al fatto che si affaccia sul mare.
Utilizzato per feste e banchetti fin dal XVIII sec., come testimonia un acquerello del 1783 di Jean Louis Desprez, è completamente costruito all’interno di una grotta naturale (la più conosciuta ed estesa delle 80 grotte presenti lungo la costa rocciosa nei pressi di Polignano). L’accesso al ristorante è garantito solo da una una stretta scala ricavata direttamente nella roccia. Cenare in questo ristorante è un’esperienza indescrivibile e unica.
Da provare!

Sito web: GrottaPalazzese.it

 

Dinner in the Sky - Londra

Dinner in the Sky – Londra

 

Dinner in the Sky – Roma

Cenare a 50 metri da terra? Si può fare anche in Italia. Dinner in the Sky è un progetto di ristorante mobile e itinerante. Si sposta fra le principali città del mondo e la prossima tappa (il 15 luglio 2018) sarà a Londra.
Scopo del progetto è permettere a chi lo desidera e non soffre di vertigini di cenare sospeso da terra. 
La tavolata è su una struttura fluttuante appesa a una gru. Oltre al divertimento di avere i piedi per aria, l’esperienza unisce la buona cucina a panorami mozzafiato.
Ogni cena può ospitare circa 22 persone alla volta con menù ricchi e prelibati firmati dai più grandi chef. Va precisato che il prezzo non è certo economico, ma è un’esperienza che – almeno una volta nella vita – ci si potrebbe concedere.
Questo “ristorante temporaneo” è nato in Belgio e, da lì, ha iniziato il suo tour mondiale!

Sito web: DinnerInTheSky.com

Conclusioni

In questo breve viaggio alla scoperta dei 5 fra i ristoranti più strani in Italia, abbiamo visto come la buona cucina e la creatività imprenditoriale nel settore enogastronomico possano dar vita a realtà davvero uniche.

Se conoscete altri ristoranti altrettanto strani, fatecelo sapere: saremo felici di parlarne.

COMMENTI

Categorie correlate

Esperienze simili

Itinerari — Piemonte 3 min

Un salto nell’Alta Langa, patria di vigneti e della nocciola

Alla scoperta dell'Alta Langa,territorio piemontese ai confini con la Liguria fra paesaggi fiabeschi, viticoltura e prodotti gastronomici eccellenti.
Itinerari — Trentino-Alto Adige 5 min

Val di Non solo mele

Val di Non, all’insegna del relax immersi nella natura, nella storia, nell’arte e nella degustazione di prodotti enogastronomici tipici e di ottima qualità.
Storie — Basilicata 7 min

Breadway, il festival del pane di Matera

Intervista a Francesco Ruggieri e ai panificatori Patrizia Perrone e Massimo Cifarelli per conoscere meglio il progetto Breadway - Le Vie del Pane, inserito nel programma di Matera 2019.

Da non perdere

Storie — Basilicata

Pasta di Stigliano, eccellenza lucana del gusto

Intervista a Mimmo Balsano, titolare di “Pasta di Stigliano”, pastificio artigianale lucano che utilizza solo grani locali e strizza l’occhio alla tradizione locale.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Italian Food Experience.

it Italiano
X